Informazioni per i lavoratori

MSSL: il sistema di sicurezza

Informazioni per i lavoratori

Un infortunio grave o una malattia correlata al lavoro può segnare pesantemente non solo la persona direttamente colpita, ma anche i suoi familiari e l’azienda. A posteriori la domanda che ci si pone è quasi sempre la stessa: sarebbe stato possibile evitare tutto questo?

Parlarne

Secondo la legge, il datore di lavoro è responsabile della sicurezza e della salute dei lavoratori. Tuttavia, sono proprio questi ultimi a conoscere meglio di chiunque altro il loro posto di lavoro e quindi a svolgere un ruolo importante per la sicurezza in azienda. È importante che essi rispettino le norme di sicurezza e non esitino a rivolgersi al superiore per sottoporre una proposta volta a migliorare la sicurezza e la tutela della salute.

I vostri diritti

Quando si tratta della vostra salute, gli strumenti per proteggersi sul posto di lavoro ci sono. Sia per voi che per il datore di lavoro esistono diritti e doveri sanciti dalla legge che è possibile far valere.

 

Chiedere non è peccato

Se quando svolgete un lavoro o maneggiate un apparecchio non siete sicuri di quello che fate, non abbiate timori e chiedete di essere istruiti al riguardo. Il vostro datore di lavoro è tenuto per legge ad informarvi su tutti i possibili pericoli e ad indicarvi le misure di protezione più adeguate.

 

Se un qualche pericolo minaccia la vita e la salute dei miei lavoratori, dico STOP.

Intervenire prima che sia troppo tardi

Se notate una situazione di potenziale pericolo, dovete intervenire subito per eliminarla. Se non siete in grado o non siete autorizzati a farlo, dovete informare il datore di lavoro, il quale deve adottare tutte le misure necessarie a garantire la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori.
Se vi trovate di fronte ad un pericolo per la vostra salute o per la vostra vita, fermatevi subito. In questi casi avete il diritto e il dovere di interrompere il lavoro. Se necessario, mettete in guardia anche i vostri colleghi.

 

Far valere il proprio diritto di partecipazione

La legge stabilisce che i lavoratori o i loro rappresentanti in azienda devono essere consultati in tutte le questioni concernenti la sicurezza sul lavoro e la tutela della salute. Questo comporta che debbano essere informati in tempo e in maniera adeguata su quanto accade in azienda, che siano ascoltati e che abbiano la possibilità di presentare proposte al datore di lavoro prima che questo prenda una decisione. Se quest’ultimo tiene in scarsa considerazione o per nulla le proposte o le rimostranze dei lavoratori, egli deve motivare il proprio operato.

 

Molto importante: collaborare all’individuazione dei pericoli e alla pianificazione delle misure

Partecipazione

Quando l’azienda individua i pericoli e pianifica le misure di protezione, lo deve fare in stretta collaborazione con i diretti interessati (ad es. compilando le liste di controllo in materia di sicurezza e protezione della salute).

I lavoratori, in virtù della loro esperienza quotidiana, conoscono molto bene i pericoli insiti nel loro posto di lavoro e quindi hanno interesse a far sì che le misure di protezione siano efficaci e pratiche. Vale quindi la pena impegnarsi a fondo su questo fronte.

Se la vostra azienda non esegue alcuna individuazione dei pericoli, parlatene con il vostro superiore.

La consultazione è prevista nei seguenti casi:

  • quando si scelgono i dispositivi di protezione individuale, tra cui gli occhiali di protezione e i protettori auricolari;quando si installano le attrezzature di lavoro che poi dovrete utilizzare;
  • durante i controlli effettuati dagli ispettorati cantonali del lavoro, dalla Suva o da altri organi di sorveglianza.

Per maggiori informazioni sul diritto di partecipazione consultare l’opuscolo "Partecipazione" del SECO"(Il link viene aperto in una nuova finestra)  .

 

La protezione dei lavoratori è un problema di tutti

Se avete delle proposte da fare per migliorare la sicurezza sul lavoro e la tutela della salute, parlatene sia con il capo che con i colleghi. Quando si tratta di protezione, la questione riguarda tutti.

 

I vostri doveri

Molti infortuni accadono svolgendo attività banali come camminare, salire o scendere le scale, trasportare carichi. In questi casi si è soliti sottovalutare i rischi, in quanto si pensa che "a me non capiterà mai". Spesso dipende proprio da noi il fatto di poter tornare a casa la sera in perfetta salute.

La legge obbliga i lavoratori a rispettare le seguenti regole comportamentali:

doveri per i lavoratori

Punto Commento
Seguire le direttive del datore di lavoro I lavoratori sono tenuti per legge ad assecondare il loro datore di lavoro nell’applicazione delle prescrizioni relative alla sicurezza sul lavoro e alla protezione della salute. Devono osservare le istruzioni del datore di lavoro in materia di sicurezza sul lavoro e di protezione della salute e tener conto delle norme di sicurezza generalmente riconosciute.
Usare correttamente i dispositivi di sicurezza I lavoratori devono utilizzare correttamente i dispositivi di sicurezza e non pregiudicarne in alcun modo l’efficacia. I dispositivi di sicurezza (ad es. cuffie, ecc.) non devono essere manipolati (o bypassati), anche se ritenete che possano ostacolare il lavoro.
Utilizzare i DPI DPI = Dispositivi di Protezione Individuale, ad es. occhiali di protezione, protettori auricolari, scarpe di protezione, ecc.
Se il datore di lavoro è tenuto per legge a fornire gratuitamente i necessari dispositivi di protezione, i lavoratori hanno l’obbligo di utilizzarli.
Non mettere in pericolo se stessi Il lavoratore non deve mettersi in uno stato che possa esporre lui stesso od altri lavoratori a pericolo. Questo divieto vale in particolare per il consumo di bevande alcoliche o di altri prodotti inebrianti.
Sottoporsi a visite mediche preventive I lavoratori occupati in un’impresa o in una parte d’impresa assoggettata alla prevenzione nel settore della medicina del lavoro (ad es. esposizione a rumore, bonifica da amianto, ecc.) devono sottoporsi a visite mediche preventive e osservare le misure profilattiche di medicina del lavoro.
In caso di lavoro notturno regolare o periodico, i giovani e i lavoratori che svolgono un’attività composta in gran parte di lavori difficoltosi o pericolosi devono sottoporsi a una visita medica e ricorrere a una consulenza.
Eliminare o segnalare le anomalie I lavoratori devono eliminare le anomalie constatate che compromettono la sicurezza sul lavoro o la salute oppure, se non sono autorizzati o non possono provvedervi, devono segnalarle senza indugi al datore di lavoro.
Rispettare le regole di sicurezza I lavoratori devono osservare le istruzioni del datore di lavoro in materia di sicurezza sul lavoro e di protezione della salute e tener conto delle norme di sicurezza generalmente riconosciute.

Per maggiori dettagli sui doveri dei datori di lavoro e dei lavoratori nel campo della sicurezza e della tutela della salute, consultare la pubblicazione "Quali sono i vostri obblighi in materia di sicurezza sul lavoro e di protezione della salute?"(Il link viene aperto in una nuova finestra)  .