Indicazioni per i datori di lavoro

Indicazioni per i datori di lavoro

Il comportamento del datore di lavoro è decisivo per l'esito positivo del reinserimento professionale.

Tre sono i fattori essenziali:

  1. mettersi in contatto con l'infortunato subito dopo l'infortunio
  2. parlare con l'infortunato su come e quando rientrare in azienda
  3. assistere l'infortunato fino al suo completo reinserimento nel processo di lavoro

Consigli:

  • contattare quanto prima la persona infortunata
  • notificare subito l'infortunio alla Suva
  • fare visita al collaboratore infortunato e appena possibile discutere insieme del suo rientro in azienda
  • definire insieme all'interessato le tappe del reinserimento
  • coinvolgere anche le persone vicine all'infortunato
  • proporre di riprendere il lavoro a tempo parziale oppure di svolgere una mansione alternativa adatta al suo stato di salute
  • la presenza dell'infortunato al lavoro è importante
  • esaminare le opportunità di reinserimento in azienda
  • compilare un profilo della mansione e consegnarlo al medico curante
  • contattare il medico curante dopo aver chiesto l'autorizzazione all'infortunato
  • spiegare al medico il quadro delle mansioni e delle condizioni di lavoro dell'infortunato
  • illustrare le possibili mansioni alternative e le opportunità di reinserimento
  • esaminare le opportunità di reinserimento insieme alla Suva
  • contattare il case manager dell'agenzia Suva
  • scegliere accuratamente il giorno del rientro al lavoro, per esempio di giovedì o venerdì per non affaticare subito l'infortunato