Operatori sanitari mentre caricano sull'ambulanza la vittima di un infortunio.

Capofficina schiacciato da una catasta di griglie d'acciaio

  • Capofficina precipita da una catasta mentre cerca di prelevare delle griglie d'acciaio impilate.
  • Nella caduta trascina con sé altro materiale materiale che finisce per schiacciarlo: trasportato in ospedale muore a causa delle gravi lesioni riportate.
  • La catasta era troppo alta e arrampicandosi il capofficina l'ha resa instabile facendola oscillare.

Infortunio mortale

Dopo aver posizionato il gancio del carroponte sopra la catasta, l'esperto capofficina aggancia il primo fascio di griglie. Per farlo, invece di usare una scala, come prescritto, si arrampica sulla catasta. Nella manovra perde l'equilibrio e precipita nel vuoto, trascinando con sé una parte del materiale che finisce sopra di lui. Purtroppo uno dei fasci gli schiaccia la gola impedendogli di chiedere aiuto. Essendo da solo, passano circa 10 minuti prima che un collega si accorga di lui e chiami i soccorsi. Malgrado i tentativi di rianimazione, l'uomo muore in ospedale il giorno dopo.
Catasta troppo alta e instabile
Con un'altezza di quasi tre metri, la catasta era troppo elevata e quindi in equilibrio precario. Arrampicandosi su di essa, il capofficina l'ha fatta oscillare. Molto probabilmente è stata questa instabilità a provocare la caduta fatale.

Per evitare infortuni simili

Obblighi dei datori di lavoro e superiori

  • Stabilire regole precise per lo stoccaggio e il fissaggio dei colli (modalità di accatastamento, altezza massima, procedura di fissaggio, uso di scale a pioli).
  • Istruire i dipendenti sulle regole di sicurezza.
  • Dare l'esempio rispettando per primi le regole di sicurezza e verificarne il rispetto da parte dei lavoratori.
  • In caso di mancato rispetto delle regole, dire STOP e imporre che siano rispettate.
  • Sensibilizzare regolarmente i lavoratori sui pericoli che comportano le operazioni di stoccaggio e fissaggio dei colli.

Obblighi dei lavoratori

  • Rispettare le istruzioni del datore di lavoro.
  • Non lavorare da soli.

Riferimenti di legge

  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 6 cpv. 1 e 3 : Informazione e istruzione dei lavoratori
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 11 cpv. 1 : Obblighi del lavoratore
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 41 cpv. 1 e 3 : Trasporto e deposito