Un operaio precipita nel vano ascensore con la cabina.

Operaio precipitato nel vano ascensore con la cabina

  • Durante un intervento di manutenzione un montatore precipita per 20 m nel vano ascensore di un condominio.
  • Al momento dell'infortunio sull'ascensore non era presente alcun dispositivo di protezione.

Operaio gravemente ferito

Il montatore, in piedi sopra la cabina, ha bisogno della corrente elettrica. Per questo solleva l'ascensore fino all'ultimo piano dell'edificio servendosi di un argano elettrico, al quale la cabina dell'ascensore è provvisoriamente sospesa dopo che è stata rimossa la fune portante.

Tramite un'apertura sul soffitto cerca di collegare un cavo elettrico alla sala macchine soprastante. Per avvicinarsi maggiormente all'apertura, alza la cabina ancora un po', senza accorgersi che il gancio a cui è appeso l'ascensore tocca già la carcassa dell'argano. Siccome l'argano è sprovvisto del dispositivo di controllo trazione ad arresto automatico, il cavo si spezza e la cabina precipita con l'operaio, che rimane gravemente ferito.
Ascensore elettrico tradizionale
Mancanza dei dispositivi di protezione
Al momento dell'infortunio, sull'ascensore non era presente alcun dispositivo di protezione. Poco prima che la cabina si staccasse, era stato smontato il dispositivo paracadute dell'ascensore e, come se non bastasse, mancava anche il limitatore di velocità che attivava il paracadute. Questo dispositivo di protezione era stato rimosso alcuni giorni prima, senza però essere sostituito da un altro dispositivo.

Nel momento in cui è avvenuto l'infortunio, la cabina dell'ascensore era sostenuta esclusivamente dall'argano, che non avrebbe comunque dovuto essere utilizzato per il trasporto di persone perché non era omologato per questa funzione.
Mancato rispetto di una regola vitale
Questo infortunio si sarebbe potuto evitare rispettando la seguente regola vitale per il personale manutentore.

Regola 5: ci proteggiamo dalle cadute dall'alto.

In caso di mancato rispetto di una regola vitale bisogna dire STOP, sospendere i lavori, eliminare il pericolo e solo dopo riprendere i lavori.

Per evitare infortuni simili

Obblighi dei datori di lavoro e superiori

  • Creare un piano di sicurezza basandosi sui risultati dell'analisi dei rischi svolta sul posto di lavoro.
  • Prima di ogni intervento di ristrutturazione su ascensori, pianificare minuziosamente i singoli passi e redigere istruzioni di lavoro dettagliate per il personale.
  • Organizzare le fasi di lavoro in modo da evitare che l'ascensore venga utilizzato per il trasporto di persone con il dispositivo paracadute disattivato.
  • Impartire ai lavoratori una formazione specifica e delle istruzioni corrispondenti al metodo di lavoro previsto.
  • Accertarsi che le regole di sicurezza vengano osservate e controllare periodicamente il rispetto delle istruzioni.
  • Impiegare le attrezzature di lavoro secondo le prescrizioni del produttore e, per il trasporto di persone, utilizzare solo ed esclusivamente dispositivi di sollevamento omologati per questa funzione e provvisti di certificato di conformità del tipo.

Obblighi dei lavoratori

  • Valutare i rischi presenti sul luogo di lavoro.
  • Procedere secondo le istruzioni di lavoro e il metodo prestabilito.
  • Attenersi alle regole di sicurezza e informare il superiore se si nota qualcosa di insolito.
  • Non correre rischi inutili: mai usare un ascensore con il dispositivo paracadute disattivato o smontato.    

Riferimenti di legge

  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 3  : Misure e installazioni di protezione
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 6  : Informazione e istruzione dei lavoratori
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 8  : Provvedimenti in caso di lavori connessi con pericoli particolari
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI), art. 32a  : Utilizzazione delle attrezzature di lavoro