La resina epossidica danneggia la pelle

La resina epossidica danneggia la pelle

  • Se si lavora con resine epossidiche appiccicose, occorre evitare qualsiasi contatto con la pelle!
  • Il contatto con la resina epossidica può provocare malattie cutanee.
  • I datori di lavoro devono proteggere adeguatamente i dipendenti da possibili danni cutanei.
  • Guanti e indumenti adatti a maniche lunghe garantiscono una buona protezione.
  • Per una buona igiene sui cantieri, devono essere disponibili lavabo e detergenti delicati.

Proteggere la pelle è importante quando si lavora con la resina epossidica

Il datore di lavoro ha l'obbligo di evitare che i dipendenti entrino in contatto con le resine epossidiche, pericolose per la pelle. È tenuto per legge a individuare i rischi sanitari presenti sul posto di lavoro, a valutarli e ad adottare misure di protezione adeguate.

  • Il datore di lavoro deve controllare che tutti rispettino le misure introdotte.
  • I nuovi dipendenti devono essere opportunamente istruiti e sensibilizzati sulle pratiche corrette da adottare.
Misure di prevenzione delle malattie professionali
Dal canto suo, il personale è tenuto a:

Le misure di protezione costano meno dei casi di malattia

I problemi cutanei dovuti alla resina epossidica possono causare patologie croniche e persino difficoltà respiratorie persistenti. Se un dipendente si ammala è costretto ad assentarsi, e in questo caso l'onere per il datore di lavoro è assai elevato. Conviene quindi investire nella protezione della pelle, tutelando adeguatamente il personale.

Il contatto con gli indurenti favorisce lo sviluppo di irritazioni cutanee, che possono trasformarsi in eczemi. Chi entra in contatto con resine epossidiche manifesta eruzioni cutanee piuttosto diffuse su braccia, collo, mani e viso. Le persone che guariscono da un'irritazione cutanea e poi entrano di nuovo in contatto con resine epossidiche (anche a basse concentrazioni) manifestano il più delle volte reazioni cutanee violente, con forte prurito. In tutti i casi menzionati è necessario consultare un medico.

Proteggersi adeguatamente con i guanti

Se le resine epossidiche sono appiccicose, è importante evitare qualsiasi contatto con la pelle. Il modo più semplice per proteggersi è indossare guanti e indumenti adatti a maniche lunghe. Per una maggiore efficacia, è utile adottare ulteriori misure tecniche e osservare le corrette norme igieniche.

Il colore dei guanti non è importante, ciò che conta è il materiale (si raccomandano guanti in nitrile).

La resina epossidica danneggia la pelle
La resina epossidica danneggia la pelle
La resina epossidica danneggia la pelle

it. Titel fehlt

Quando si mescolano epossidi e indurenti.

Consiglio: utilizzare un miscelatore a bassa velocità, in modo da evitare spruzzi.

La resina epossidica danneggia la pelle
Quando si applica la resina epossidica.

Consiglio: servirsi di attrezzi con manico lungo. Tenersi lontani dalla resina epossidica appiccicosa permette di evitare contaminazioni accidentali.

La resina epossidica danneggia la pelle
Quando si puliscono gli attrezzi.

Anche in questo caso bisogna evitare qualsiasi contatto con la resina epossidica appiccicosa, nociva per la pelle.

La resina epossidica danneggia la pelle
Quando si smaltiscono i rifiuti.

Se i rifiuti sono ingombranti, vi è un maggiore rischio di contatto con la pelle.

La resina epossidica danneggia la pelle

Qual è il tipo di guanto più adatto?

Occorre garantire che sul posto di lavoro siano disponibili guanti idonei e in perfetto stato. Anche la taglia è fondamentale: solo se i guanti si adattano bene, i dipendenti possono lavorare in modo corretto.

Consiglio: per i lavori che non comportano l'esposizione ad agenti meccanici è possibile utilizzare guanti monouso in nitrile.

Handschuhe blau
Guanti monouso in nitrile resistenti a sostanze chimiche

Qui potete trovare i guanti in nitrile  

PSA-Katalog der Suva - Rundum Schutz für ProfisSchutzhandschuheProfi 60.122
Guanti di protezione per sostanze chimiche con rinforzo antitaglio

Qui sono in vendita guanti per sostanze chimiche  

Schablone zum Bestimmen der Grösse von Handschuhen
La taglia giusta è fondamentale

I guanti devono adattarsi e aderire bene alla pelle, senza lasciare vuoti sulla punta delle dita.

Qui è disponibile una sagoma per scegliere la taglia giusta . Basta stamparla su un foglio A4 e sovrapporci sopra la mano.

  • Leggere le etichette sulle resine epossidiche: è importante che i dipendenti conoscano i pittogrammi di pericolo, perché solo così possono adottare le misure di protezione necessarie.
La resina epossidica danneggia la pelle
La resina epossidica danneggia la pelle
  • Gli attrezzi usati per applicare la resina epossidica (ad es. spazzole) devono essere conservati in recipienti richiudibili. In tal modo si evitano contatti accidentali con solventi dannosi per la pelle.
  • È importante che i rifiuti (ad es. guanti e stracci sporchi, residui di nastro adesivo ecc.) vengano smaltiti in appositi sacchi o contenitori, che devono essere chiusi per il trasporto.
La resina epossidica danneggia la pelle
La resina epossidica danneggia la pelle
  • Sui cantieri occorre verificare che questi rifiuti vengano smaltiti secondo le disposizioni vigenti.
  • Lavare sempre le mani dopo il lavoro.
  • Cambiare gli abiti da lavoro sporchi ed eliminare gli stracci.
  • Non utilizzare mai solventi per lavarsi le mani. Evitare anche spazzole e saponi con microperle.
  • Lo sfregamento può potenziare l'effetto dannoso sulla pelle di certe sostanze pericolose. I detergenti delicati agiscono anche in presenza di sporco persistente e non aggrediscono la pelle. 
  • Infine, utilizzare una crema mani nutriente e protettiva.

Le malattie cutanee sono molto diffuse. Consigli per prevenirle:

Protezione della pelle

2mani  
Informazioni sulle dermatosi professionali e sulla protezione della pelle 

Contatto

  • Suva, Chemie
  • Fluhmattstrasse 1
    6004 Luzern