5G, Grenzwerte Mobilfunk, Antenne, Handy, Telefonie, Strahlenschutz

Valori limite per le reti di telefonia mobile Protezione dalle radiazioni elettromagnetiche ad alta frequenza

  • Per la protezione dalle radiazioni elettromagnetiche dovute alle reti di telefonia mobile si applicano sui posti di lavoro fissi i limiti imposti dall'Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ORNI).
  • In tutti gli altri luoghi di lavoro in cui le persone non sostano regolarmente si applicano i valori limite della Suva.
  • Per la maggior parte delle persone, il proprio cellulare è la principale fonte di radiazioni elettromagnetiche ad alta frequenza.

Qui potete leggere quali norme si applicano ai luoghi di lavoro per quanto riguarda l'esposizione alle radiazioni della telefonia mobile, chi è responsabile dell'applicazione e cosa potete fare voi stessi per ridurre la vostra esposizione alle radiazioni.

Quali sono i pericoli dovuti alle reti di telefonia mobile?

Se, durante una chiamata, si tiene il cellulare appoggiato all'orecchio, la pelle si riscalda leggermente. In caso di elevata esposizione alle reti di telefonia mobile, oltre gli effetti termici, sono documentati anche ulteriori effetti biologici a breve termine, ad esempio una variazione delle onde cerebrali. In base agli studi condotti finora, gli esperti non prevedono conseguenze a lungo termine sulla salute a causa dell'impiego delle reti di telefonia mobile. Sino al giorno d'oggi non si sono trovate prove certe di un aumento del rischio di cancro.
La Suva segue da vicino il dibattito nato intorno ai potenziali effetti delle reti di telefonia mobile e valuta lo sviluppo tecnologico e gli studi relativi agli effetti dei campi elettromagnetici sulla salute umana. Questa è la premessa per poter intervenire nel modo giusto e in modo tempestivo a eventuali nuove scoperte in questo campo.

Quali sono i valori limite?

Il grafico mostra i diversi valori limite applicabili in Svizzera con una frequenza di 1800 MHz. Per ulteriori frequenze si applicano limiti diversi.

I valori limite di immissione  (disponibile solo in tedesco e francese) indicati nell'Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni ionizzanti (ORNI)  si applicano in tutti i luoghi in cui le persone non devono sostare in modo permanente. In linea generale, si intendono gli spazi pubblici, ad esempio le strade. Questi valori limite sono stati definiti in modo da proteggere da eventuali danni alla salute comprovati scientificamente. Questi valori si limitano ai campi elettrici consentiti indipendentemente dalla loro frequenza. In caso di frequenze pari a 1800 megahertz (MHz) il valore limite per gli impianti di telefonia mobile è di 58 V/m.

I valori limite per gli impianti  (disponibile solo in tedesco e francese) indicati nell'Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni ionizzanti (ORNI)  sono più bassi rispetto ai valori limite di immissione e si applicano solo ai «luoghi con impiego sensibile». Ad esempio, si tratta di luoghi in edifici dove le persone sostano regolarmente per lunghi periodi. Può trattarsi di edifici abitativi oppure di posti di lavoro fissi. Questi valori limitano l'esposizione di singoli impianti di radiocomunicazione mobile al fine di mantenere più bassa possibile l'esposizione alle radiazioni in questi luoghi. Con una frequenza di 1800 MHz l'intensità di campo ammissibile per gli impianti di telefonia mobile è di 6 volt al metro (V/m).

Principio di prevenzione

Il limite per gli impianti definito dall'ORNI si base sul principio di prevenzione della legislazione svizzera in materia di protezione ambientale. In base a questa legislazione, le emissioni devono essere contenute al punto tale da essere possibili sul piano tecnico e operativo ed economicamente sostenibili. L'obiettivo è quello di ridurre l'esposizione a lungo termine fino a quando non si potrà accertare sul piano scientifico qual è il legame tra le radiazioni e gli effetti sulla salute.

I valori limite imposti dalla Suva sul luogo di lavoro per i campi elettromagnetici  (disponibile solo in tedesco e francese) sono ben superiori ai valori limite di immissione e a quelli imposti per gli impianti. Infatti, questi si applicano solo a i posti di lavoro che non sono occupati regolarmente e per lunghi periodi da persone. I valori limite sono concepiti in modo tale da impedire conseguenze dirette sulle persone. Nel caso di radiazioni ad alta frequenza, può trattarsi di surriscaldamento acuto del corpo. Per le donne incinte si applicano disposizioni di legge più severe tratte dall'Ordinanza sulla protezione della maternità. I valori limite imposti per il luogo di lavoro non si orientano mai ai bambini, alle persone affette da qualche patologia o alle persone anziane, in quanto perqueste categorie di persone si applicano disposizioni più severe, nella fattispecie l'Ordinanza sulla protezione dalle radiazioni non ionizzanti.

I valori limite si basano sulle raccomandazioni della Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti (ICNIRP). Essi sono stabiliti nella pubblicazione «Grenzwerte am Arbeitsplatz» (disponibile solo in tedesco e francese, vedi sezione «Altro materiale» in fondo alla pagina). A una frequenza di 1800 MHz il valore limite è di 127 V/m.

Lavori in caso di antenne di telefonia mobile

Il superamento di questi limiti è prevedibile solo se le persone si trovano nelle immediate vicinanze delle antenne di telefonia mobile (ad es. durante l'installazione). Solitamente a questi luoghi vi accede solo il personale autorizzato (vedi «Antenne di telefonia mobile: misure di sicurezza», link in fondo a questa pagina). La Suva definisce le proprie regole con le aziende interessate da questi provvedimenti affinché l'esposizione resti al di sotto del valore limite.


Chi impone il rispetto dei valori limite?

I cantoni devono far rispettare i limiti di immissione e i limiti relativi agli impianti, in quanto sono responsabili dell'esecuzione dell'ORNI.
La Suva verifica il rispetto dei valori limite definiti per i posti di lavoro.

Quali sono le modifiche più importanti con l'introduzione della rete 5G?

  • Nuove frequenze
    L'introduzione del 5G avverrà in bande di frequenza simili a quelle già impiegate per le reti di telefonia mobile e le reti WLAN. Le reti 5G ricadono nelle bande dei 700 MHz e dei 1,4 e 3,5 GHz. Per le reti di telefonia mobile si utilizzano in parte frequenze più alte rispetto a quelle attuali. Per le reti WLAN si impiegano già le bande di 2,4 e 5 GHz. Gli effetti biologici dei campi elettromagnetici dipendono dalle frequenze e dell'intensità delle onde elettromagnetiche. Tuttavia, questo non cambia nulla per quanto riguarda i valori limite applicabili ed è per questo che il livello di protezione rimane invariato.
  • Antenne adattative
    Per le stazioni di base del 5G si impiegano le cosiddette antenne adattative. Per orientare il segnale in modo più diretto verso i singoli utenti di telefonia mobile, diverse antenne più piccole possono essere posizionate su un blocco di antenne. Questo dovrebbe rendere più efficiente la trasmissione della rete mobile dall'antenna all'utente. Anche in questo caso è bene ribadire che i valori limite attuali restano invariati.

Come posso ridurre la mia esposizione individuale?

Nella vita di tutti i giorni, la maggiore esposizione alle radiazioni non proviene dalle antenne delle reti mobili, ma dal proprio cellulare. Ecco alcuni consigli su come ridurre l'esposizione alle radiazioni delle reti di telefonia mobile:

  • Utilizzare gli auricolari dotati di microfono e cavo invece di appoggiare lo smartphone all'orecchio.
  • Se possibile, per le chiamate usare il vivavoce.
  • Evitare di telefonare e navigare se il segnale è debole, dato che in questi casi il proprio telefonino aumenta la potenza di trasmissione.
  • Evitare di tenere lo smartphone a contatto diretto con il corpo.