Tubi di ventilazione installati sulla volta di un tunnel

Formazione «Aria sana nei tunnel»

  • Una cattiva qualità dell'aria nei cantieri sotterranei può causare malattie professionali anche mortali.
  • L'attività di formazione aiuta a riconoscere le situazioni pericolose e ad adottare le relative misure di protezione.

Condizioni di lavoro sane

La qualità dell'aria durante i lavori sotterranei è di fondamentale importanza per prevenire le malattie e gli infortuni professionali, ma anche per il benessere dei lavoratori. Nello scavo di tunnel la frequenza di decessi per malattie professionali è pari a quella degli infortuni professionali. I lavoratori che soffrono di una malattia professionale con esito letale spesso muoiono molto tempo dopo il periodo di esposizione, per lo più quando sono in pensione.

Per proteggere maggiormente il personale dalle sostanze nocive presenti nei tunnel sono necessarie conoscenze tecniche a tutti i livelli. La documentazione messa a disposizione dalla Suva consente di formare i lavoratori in modo articolato e orientato alla pratica sulle problematiche legate alla costruzione di tunnel. Solo se ognuno è consapevole della propria responsabilità e la assume pienamente, è possibile migliorare la tutela della salute in questo settore.

Obiettivi

Il personale che lavora nei tunnel deve essere in grado di:

  • individuare le sostanze nocive presenti nell'aria;
  • valutare le situazioni di rischio;
  • adottare le misure di protezione nel proprio ambito di competenza;
  • identificare ulteriori esigenze di intervento e adottare le necessarie misure.
Destinatari
  • Persone da formare: operatori che lavorano nei tunnel.
  • Formatori: addetti alla sicurezza, quadri.
Campo di applicazione
  • Cantieri per lo scavo o il risanamento di tunnel.
Durata
  • Circa 60 minuti per la presentazione.
Organi responsabili

Il materiale didattico è frutto della collaborazione fra le seguenti organizzazioni: SECO, AIPL, Fachverband Infra, sindacati Syna e Unia, Suva.

Consigli per i formatori

Preparazione
  • Leggere le informazioni centrali e generali contenute nell'unità didattica. È possibile inoltre stampare gli appunti relativi al materiale didattico (vedi in basso).
  • I contenuti che non sono attinenti alla propria realtà aziendale possono essere tralasciati. Resterà così più tempo per discutere e approfondire altri argomenti.
  • Ordinare per tempo e in numero sufficiente i documenti necessari:
    opuscolo «Aria sana nei tunnel – un diritto per tutti» (vedi in basso) con le informazioni chiave sull'argomento, da distribuire ai partecipanti.
  • Ricordare a tutti l'importanza della formazione. Fissare le date della formazione e comunicarle ai partecipanti per tempo.
Svolgimento
  • Consigliamo di formare gruppi da 8 a 15 persone e di tenere la presentazione prima o dopo il cambio turno.
  • Preparare in anticipo computer portatile, proiettore e materiale da mostrare ai partecipanti (maschere di protezione e apparecchi di misurazione).
  • Mostrarsi aperti alle domande e ai suggerimenti. Prendere sul serio anche le critiche, i dubbi e le obiezioni dei lavoratori e cercare di dare loro una risposta. Alla fine della formazione, chiedere ai partecipanti la loro impressione generale.
  • Distribuire ai partecipanti l'opuscolo «Aria sana nei tunnel – un diritto per tutti» (vedi in basso).
Dopo la formazione
  • Verificare se i contenuti trasmessi vengono messi in pratica (comportamento dei lavoratori, misure tecniche e organizzative).
  • Dopo un certo lasso di tempo, chiedere ai lavoratori e ai superiori se la formazione è servita a migliorare le condizioni di lavoro. In base al risultato dei colloqui, adottare i provvedimenti necessari.