Attenzione: negli spazi ristretti possono formarsi vapori, gas, fumo e polveri!

Se c'è una fuoriuscita di gas o vapori di solventi, negli spazi ristretti si forma rapidamente un'atmosfera pericolosa. Si riportano qui di seguito alcuni esempi.

  • Rischio di incendio ed esplosione: impiego di gas liquefatto (propano, butano) o prodotti contenenti solventi (per es. vernici, colori, colle).
  • Pericolo di intossicazione: in caso di fuoriuscita di gas pericolosi per la salute, nei processi di combustione (per es. saldatura, taglio, brasatura) o quando si impiegano prodotti contenenti solventi.
  • Pericolo di soffocamento: in caso di fuoriuscita per es. di azoto, argon o biossido di carbonio in spazi ristretti.

Pertanto, quando si eseguono interventi di manutenzione in spazi ristretti, occorre prestare particolare attenzione, per es. all'interno di cisterne, tubature, canalizzazioni, pozzi, cunicoli, recipienti e cantine senza finestre. Solo persone appositamente istruite possono lavorare negli spazi ristretti. Il materiale di soccorso per la persona che lavora in uno spazio ristretto deve essere sempre pronto all'uso sul posto.

Base legale

Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 3  , art. 8  , art. 11  , art. 44   e art. 46