La Svizzera augura a malati e infortunati una pronta guarigione Dopo un infortunio o una malattia ricevere messaggi di pronta guarigione aiuta a rimettersi in sesto più velocemente.

Ogni angolo della Svizzera lo dice a modo suo...
Dopo un infortunio o durante una malattia ricevere messaggi di pronta guarigione dai propri cari aiuta a rimettersi in sesto più velocemente. Ogni angolo della Svizzera lo fa a modo suo: da «sta bein» a «guäti Gnäsig». Ma a prescindere dalla lingua, quando colleghi e amici augurano una pronta guarigione ai loro cari, il significato è uno solo: «Sei nei nostri pensieri. Tieni duro!». Ascoltate i loro messaggi, vi scalderanno il cuore!

Ascoltate i messaggi 

Avete un conoscente infortunato o malato? Un augurio di pronta guarigione è il primo passo per aiutarlo a tornare alla propria vita.

Un aiuto a infortunati e malati

Il reinserimento nella quotidianità lavorativa è una delle nostre priorità: forniamo assistenza alle persone vittime di infortunio con una vasta gamma di offerte e ci prendiamo cura di loro affinché possano riprendere in mano la loro vita. Per fare ciò teniamo conto sia del contesto personale sia di quello professionale: diamo consigli utili, forniamo aiuto e creiamo incentivi per il reinserimento.

  

Familiari: ecco come aiutare amici e colleghi di lavoro. Ecco come amici e familiari possono aiutare infortunati e malati a tornare alla vita quotidiana.

  1. Contattare la persona infortunata.
  2. Mantenere contatti frequenti, almeno una volta la settimana.
  3. Informarsi sugli orari di visita da parenti, amici o colleghi.
  4. Dire alla persona quanto è importante per voi.
  5. Infondere coraggio per il futuro.
  6. Aiutare la persona infortunata a tornare a una vita normale.
  7. Istituire dei «rituali» (ad es. pranzare insieme).
  8. Avere pazienza.
  9. Informarsi sulle conseguenze dell'infortunio.
  10. Motivare la persona a dedicarsi a piccole e semplici attività.

Maggiori informazioni nell'opuscolo Il «reinserimento degli infortunati  ».

Datore di lavoro: ecco come aiutare i vostri collaboratori. Il comportamento del datore di lavoro è decisivo per l'esito positivo del reinserimento professionale.

  1. contattare quanto prima la persona infortunata
  2. notificare subito l'infortunio alla Suva
  3. andare a trovare il collaboratore infortunato e appena possibile discutere del suo rientro in azienda
  4. definire insieme le tappe del reinserimento
  5. coinvolgere anche le persone vicine all'infortunato
  6. proporre di riprendere il lavoro a tempo parziale oppure di svolgere una mansione alternativa adatta al suo stato di salute
  7. la presenza dell'infortunato al lavoro è importante
  8. esaminare le opportunità di reinserimento in azienda
  9. compilare un profilo della mansione e consegnarlo al medico curante
  10. contattare il medico curante dopo aver chiesto l'autorizzazione all'infortunato
  11. spiegare al medico le mansioni e le condizioni di lavoro dell'infortunato
  12. illustrare le possibili mansioni alternative e le opportunità di reinserimento
  13. esaminare le opportunità di reinserimento insieme alla Suva
  14. contattare l'agenzia
  15. scegliere consapevolmente il giorno del rientro al lavoro, per esempio il giovedì o venerdì per non affaticare subito l'infortunato

Maggiori informazioni nell'opuscolo «Il reinserimento degli infortunati  »

  

Messaggi di auguri: ascoltate come scaldano il cuore!

A volte basta veramente poco per far stare meglio una persona. Alla fine del 2020 durante la campagna Suva «We Miss You» la Svizzera ha espresso i suoi auguri di pronta guarigione. In cooperazione con Radio Energy, parenti e amici hanno inviato ai loro cari, infortunati o malati, un messaggio di auguri e dedicato loro una canzone. Ascoltate con le vostre orecchie la varietà e la bellezza degli auguri di tutta la Svizzera.

Ognuno lo dice a modo suo, ma il significato è sempre lo stesso: «Rimettiti presto!».

Iniziativa musicale della Suva

Grazie a tutti coloro che augurano a infortunati e malati una pronta guarigione aiutandoli a rimettersi in sesto!