Kunz_Mario 200704 008_VR-Saal.tif, 100 Jahre Suva, Verwaltungsratssaal, Weihnachtskarte Suva, Mario Kunz

Il primo Consiglio di amministrazione

Rappresentanti degli assicurati obbligatori (gruppo A):

  1. Josef Albisser, presidente dell'Unione delle Società dei ferrovieri, Lucerna.
    Nato nel 1868 a Büron, deceduto nel 1943 a Lucerna, avvocato e fondatore del partito socialista di Lucerna, redattore del «Demokrat» (1893–1900), primo presidente del partito socialista svizzero (1901), fece parte del consglio comunale (1899–1915) e del municipio di Lucerna (1915–1917), primo presidente del Tribunale federale delle assicurazioni (1917–1929)

  2. Dr. Josef Beck, membro del comitato centrale della Federazione operaia svizzera, Friburgo.
    Nato nel 1858 a Sursee, deceduto nel 1943 a Sursee, teologo, fu ordinato sacerdote nel 1884, professore di teologia morale e pastorale al seminario di Lucerna (1888–1891), insegnò teologia pastorale, liturgia e pedagogia all'Università di Friburgo (1891–1934), membro fondatore della Federazione delle associazioni cattoliche degli uomini e degli operai (1888), redattore della «Monatsschrift für Christliche Sozialreform» (1902–1906), direttore della prima scuola superiore cattolica femminile a Friburgo (1905), collaborò alla stesura della legge sull'assicurazione malattia e infortuni del 1911, fu uno dei massimi esponenti della Svizzera cattolica conservatrice
A.Howard Eugster-Züst, Verwaltungsratsmitglied
  1. Howard Eugster-Züst, presidente della Federazione svizzera degli operai dell'industria tessile, Speicher.
    Nato nel 1861 a New York, deceduto nel 1932 a Speicher, teologo, pastore a Hundwil (1887–1909), si impegnò nella socialdemocrazia e fu noto come il «pastore dei tessitori», fondò l'Unione dei tessitori di cotone appenzellesi (1900), fu redattore della «Ostschweizerische Industriezeitung» e del «Textil-Arbeiter» (1901–1913), cofondatore della Federazione svizzera degli operai dell'industria tessile (1903, presidente a tempo pieno dal 1908 al 1913), rappresentò il partito dei lavoratori nel Gran Consiglio di Appenzello Esterno (1900–1913) e nel Consiglio nazionale (1908–1932), deputato al Consiglio di Stato di Appenzello Esterno (1913–1931)

Hermann Greulich
  1. Hermann Greulich, segretario operaio svizzero, Zurigo.
    Nato nel 1842 in Breslavia, deceduto nel 1925 a Zurigo, il nome preciso era: Herman Greulich, giunse a Zurigo nel 1865, dove fu rilegatore e in seguito assistente in un atelier di fotografia, redattore dell'organo del partito socialdemocratico «Tagwacht» (1869–1880), fu tra i promotori della Federazione operaia svizzera (1873), fu torrefattore di caffè per la cooperativo di consumo di Zurigo (1880–1884), direttore dell'ufficio statistico del Canton Zurigo (1885–1887), incaricato del segretariato operaio svizzero (1887–1925), fu tra i fondatori dell'Unione dei lavoratori comunali e statali (l'attuale Sindacato svizzero dei servizi pubblici, 1905, presidente fino al 1915), rappresentante del partito socialista nel Consiglio comunale di Zurigo (1892–1925) nel Gran Consiglio di Zurigo (1890–1893, 1896–1899, 1901–1925), nel Consiglio nazionale (1902–1905, 1908–1925), promosse in modo particolare la politica sociale e il suffragio femminile. Di fronte alla radicalizzazione del movimento operaio (dal 1900), assunse una posizione critica, nel movimento operaio svizzero fu conosciuto come «papà G.»

  1. Susanne Jeanrenaud, impiegata di fabbrica, Ginevra.
    nessuna informazione

  2. Felix Koch, segretario dell'Associazione svizzera degli impiegati postali, Berna.
    Nato nel 1882 a Tamins, deceduto nel 1918 a Berna, impiegato postale a Coira (1905–1909), segretario della Società svizzera degli impiegati postali (a tempo parziale fino al 1909, quindi a tempo pieno), fondatore dei giovani radicali bernesi (1912), municipale bernese (1908–1918), segretario del partito radicale svizzero (1914–1918), deputato al Gran Consiglio di Berna (1914–1918) e al Consiglio nazionale (1917–1918), deceduto a seguito dell'influenza spagnola

  3. Franz Meier, capo-magazziniere di fabbrica, Sciaffusa.
    nessuna informazione

Emil Ryser
  1. Emil Ryser, presidente della Federazione operaia dell'industria degli orologi, Bienne.
    Nato nel 1866 a St-Imier, deceduto nel 1950 a Ginevra, il nome preciso era Emile Ryser, lavorò come orologiaio a Bienne (1884–1907), fu aggiunto presso il Segretariato operaio svizzero a Bienne come segretario di Herman Greulich (1908–1920), fu fondatore e presidente della Federazione operaia dell'industria degli orologi (1892–1915), presidente dell'Unione sindacale svizzera (1909–1912), fece parte come traduttore del Comitato di Olten (1918), deputato al Consiglio comunale (1898) e municipale di Bienne (1912–1920), deputato al Gran Consiglio bernese (1908–1920) e al Consiglio nazionale (1914–1922), partecipò alla fondazione dell'Ufficio internazionale del lavoro a Ginevra (1916–1920) dove trovò anche impiego (1920–1926)

  1. Heinrich Scherrer, membro del comitato della Federazione operaia svizzera, San Gallo;
    primo vicepresidente.
    Nato nel 1847 a Nesslau, deceduto nel 1919 San Gallo, avvocato a San Gallo (1875–1902), presidente della Società del Grütli (1882–1890), fu tra i fondatori della nuova Federazione operaia svizzera (1887) e tra i promotori del partito democratico e dei lavoratori nel Cantone di San Gallo (1888), deputato al Gran Consiglio di San Gallo (1891–1902), aderì al partito socialista (1905), fu deputato al Consiglio di Stato (1902–1919) e al Consiglio nazionale (1902–1911), fu il primo socialista al Consiglio degli Stati (1911–1919), come maggiore dell'esercito svizzero si oppose all'ala antimilitarista e internazionalista del PS

  2. 10. Jakob Schlumpf, segretario della Federazione svizzera dei tipografi, Berna.
    Nato nel 1870, deceduto nel 1948, deputato socialista al Consiglio comunale (1906) e municipale di Berna (presidente 1916–1917), membro del consiglio di amministrazione della«Unione della stampa socialdemocratica»

  3. Oskar Schneeberger, segretario dell'Associazione svizzera degli operai metallurgici, Berna.
    Nato nel 1868 a Täuffelen, deceduto nel 1945 a Berna, lavorò come meccanico nel Seeland bernese, a Grenchen e Berna, fu primo segretario permanente dell'Associazione svizzera degli operai metallurgici (1900–1917, dal 1915 FLMO dopo la fusione con la Federazione degli operai dell'industria degli orologi), presidente dell'Unione sindacale svizzera (1912–1934), fu consigliere comunale (1900–1917) e municipale a Berna (1917–1933), deputato al Gran Consiglio di Berna (1902–1928), consigliere nazionale (1917–1931), membro del comitato di Olten (1918) assunse una posizione ponderata e mediatrice, fu contrario alla lotta di classe
Nina Schmid-Schriber aus Kriens
  1. Nina Schriber, segretaria operaia Svizzera centrale, Kriens.
    Nata nel 1876 a Kriens, 1956, insegnante a Kriens, fondatrice e presidente della Federazione delle operaie a Kriens (1904–1937), fece parte della Federazione operaia svizzera come rappresentante delle organizzazioni operaie cristiano sociali (1905), segretaria della Lega svizzera delle donne cattoliche (1907), redattrice della «St. Elisabeths-Rosen» (1908, quindi della «Katholische Frauenzeitung»), vicepresidente del cartello cristiano-sociale di Lucerna e dintorni (1918)

Rappresentanti dei possessori di imprese private che occupano degli assicurati obbligatori (gruppo B):

  1. Ferdinand Baud, impresario, Losanna.
    Nato nel 1859, deceduto nel 1921 a Lucerna, impresario edile

  2. Jakob Blattner, capomastro, Lucerna.
    Nato nel 1860, deceduto nel 1914, impresario edile, presidente centrale della Società svizzera degli impresari-costruttori (1899–1902 e 1908–1914), municipale liberale a Lucerna, deputato al Gran Consiglio di Lucerna, cofondatore della Freie Vereinigung Gleichgesinnter (1901)

  3. Dr. Melchior Böniger, direttore di fabbrica, Basilea.
    Nato nel 1866 a Nidfurn, deceduto nel 1929 a Kreuzlingen, chimico e direttore alla Kern & Sandoz a Basilea (1889–1895), in seguito direttore della Sandoz (1895–1926), presidente della Basler Liedertafel (1901–1908), presidente della Società svizzera delle industrie chimiche (1924–1928)

  4. Maurice Colomb, fabbricante d'orologeria, Ginevra; secondo vicepresidente.
    Membro del Comitato centrale della Chambre suisse de l’horlogerie

  5. Dr. Alfred Frey, vice-presidente dell'Unione svizzera del commercio e dell'industria, Zurigo.
    Nato nel 1859 a Berna, deceduto nel 1924 a Zurigo, segretario (1892–1900) quindi membro della direzione (dal 1900) e presidente (1917–1924) dell'Unione svizzera del commercio e dell'industria, deputato radicale al Consiglio nazionale (1900-1924), su incarico del Consiglio federale negoziò trattati commerciali, nel 1917 rifiutò di candidarsi al Consiglio federale

  6. Pietro Giugni, proprietario di stamperia, Locarno.
    Nato nel 1882 a Locarno, fondatore ed editore della «Tessiner Zeitung» (dal 1908)

  7. Ernst Lang, proprietario di filatura, Zofingen.
    Nato nel 1867 a Oftringen, deceduto nel 1921 a Zofingen, nel 1889 entrò a far parte dell'impresa di famiglia, la Spinnerei Lang & Cie. a Reiden, nel 1912 ne assume la direzione, fu presidente della Lega svizzera per la salvaguardia del patrimonio nazionale (1918–1921)

  8. Albert Mosimann, fabbricante d'orologeria, La Chaux-de-Fonds.
    Nato nel 1869 a La Chaux-de-Fonds, deceduto nel 1937 a La Chaux-de-Fonds, membro del comitato della Società dei fabbricanti di orologi a La Chaux-de-Fonds (1896) e della Chambre suisse de l’horlogerie dal 1909, segretario del comitato centrale (1913–1917)

  9. James Perrenoud, segretario dell'Unione libera dei fabbricanti svizzeri di cioccolata, La Chaux-de-Fonds.
    Segretario generale della Fédération horlogère (1885–1888), deputato al Gran Consiglio di Neuchatel (1890), segretario della Società intercantonale industriale del Giura (1890), membro della camera cantonale dell'industria e del commercio di Neuchâtel (1900), politico dell'area liberale di centro


  10. Jakob Scheidegger, presidente dell'Unione svizzera delle arti e dei mestieri, Berna.
    Nato nel 1845 a Kirchlindach, deceduto nel 1925, maestro calzolaio, membro fondatore e presidente dell'Associazione svizzera dei calzolai e degli atelier di apprendistato della città di Berna (1887), primo direttore della Technische Fachschule di Berna (1889), membro del comitato centrale (1883–1894) e quindi presidente dell'Unione svizzera delle arti e mestieri (1897–1915), promosse una politica a favore dei lavoratori, dimissionò da presidente nel 1915 quando la sua proposta di legge sul lavoro fallì sotto la pressione delle associazioni professionali, fu consigliere comunale per il partico radicale democratico (1899–1910), deputato al Gran Consiglio (1902–1918) e al Consiglio nazionale (1908–1917)
Ernst Schmidheiny
  1. Ernst Schmidheiny, fabbricante di cemento e laterizi, Heerbrugg.
    Nato nel 1871 a Heerbrugg, deceduto nel 1935 nel deserto del Sinai (incidente aereo), insieme al fratello nel 1905 rilevò la fabbrica di laterizi, fu tra i fondatori della EG Portland (cartello del cemento, 1910), integrò nel cartello la fabbrica di cemento Holderbank (1913), acquistò la maggioranza azionaria della Eternit AG di Niederurnen (1920), sviluppò la produzione di cemento ed eternit su scala internazionale, fu deputato radicale al Gran Consiglio di San Gallo (1905–1918) e al Consiglio nazionale (1911–1919), diresse l'ufficio delle compensazioni della divisione del commercio che durante la guerra negoziava gli scambi con la Germania (1915–1917)

  1. Gustav Siber, fabbricante di seterie, Zurigo.
    Nato nel 1857 a Zurigo, deceduto nel 1924 a Blevio, assunse la gestione della seteria paterna a Schönenberg an der Thur (1882), fu tra i fondatori della scuola di seteria a Zurigo (1881), presidente della Società zurighese dell'industria della seta (1892–1895), presidente del consiglio di amministrazione dell'essicatoio per la seta di Zurigo (1917–1923)

  2. Karl Siegrist, presidente della Cassa infortuni dell'Associazione svizzera dei padroni lattonieri, Berna.
    nessuna informazione
Dr. Eduard Sulzer
  1. Dr. Eduard Sulzer, fabbricante di macchine, Winterthur.
    Nato nel 1854 a Winterthur, deceduto nel 1913 a Winterthur, figlio di industriali, direttore dell'amministrazione interna (1878), socio (1881) e primo direttore (1910) della Gebr. Sulzer, consigliere comunale di Winterthur (1880–1902), deputato al Gran Consiglio zurighese (1892–1902) e al Consiglio nazionale (1900–1913), promosse la costruzione del traforo del Sempione, avversario della socialdemocrazia, si impegnò però per una riduzione del tempo di lavoro nella sua azienda da 11 a 10 ore giornaliere (1891) e per il sabato pomeriggio libero (1906)

  1. Charles Wetter, presidente dell'Associazione svizzera dei fabbricanti di ricami sistema "Schiffli", San Gallo.
    Nato nel 1857 a San Gallo, deceduto nel 1921 a Berna, socio della Wetter Frères (azienda paterna), sviluppò un procedimento per la produzione industriale di pizzo di tessuto (1883), chiuse la ditta e si trasferì a Parigi (1893), ritornò a San Gallo per lavorare nell'azienda di tessitura Rappolt & Co. (1903), rilevò la fabbrica di ricami con macchine automatiche di Gossau (1915), fu membro del consiglio di amministrazione della Banca nazionale e del Direttorio commerciale

  2. Robert Zemp, fabbricante di mobili e "parquets", Lucerna.
    Nato nel 1839, deceduto nel 1916, fratello del consigliere federale Josef Zemp

Rappresentanti degli assicurati volontari (gruppo C):

  1. Gabriel Amiguet, agricoltore, Gryon.
    Nato nel 1864 a Gryon, deceduto nel 1951, militò nel partito radicale democratico, fu deputato al Gran Consiglio di Vaud (presidente 1918)

  2. Johann Jenny, presidente dell'Unione svizzera dei contadini, Worblaufen.
    Nato nel 1857 a Uettlingen, deceduto nel 1937 a Berna, figlio di un contadino agiato, rilevò la fattoria e la locanda della moglie, fu deputato al Gran Consiglio di Berna (1886–1917 radicale, 1918–1926 nel PAB), municipale di Bolligen (1893–1897), presidente del Consiglio comunale (1914–1920), deputato al Consiglio nazionale (1890–1935), fece parte del comitato direttivo del PAB (1918–1935), primo presidente della Federazione delle cooperative agricole bernesi (1889–1936), fu cofondatore e presidente della Lega svizzera dei contadini (1897–1930)

  3. Joseph Kuntschen, Consigliere di Stato, Sion.
    Nato nel 1859 a Sion, deceduto nel 1928 a Sion, fu avvocato e notaio, deputato conservatore al Gran Consiglio vallesano (1877–1905) e al Consiglio nazionale (1890–1921), consigliere di Stato (1906–1928), membro del consiglio di amministrazione delle FFS (1909–1920)
Peter Ming, Landammann, Sarnen
  1. Peter Ming, Landamano, Sarnen.
    Nato nel 1851 a Sarnen, deceduto nel 1924 a Sarnen, fu medico di campagna (1874–1924) e municipale a Sarnen (1876–1910), membro del consiglio patriziale (1881–1887), deputato al Gran Consiglio (1876–1924) e al Consiglio nazionale del partito cattolico conservatore (1890–1924), consigliere di Stato obvaldese (1910–1922, sette volte landamano), giudice cantonale (1875–1878), membro del tribunale d'appello (1878–1910, presidente dal 1901), cofondatore e membro del consiglio di amministrazione della Banca Cantonale di Obvaldo (1886, presidente dal 1901), promotore del movimento antialcolico, fu attivo come giornalista e autore di poesie dialettali

Rappresentanti della Confederazione (gruppo D):

  1. Dr. Felix Calonder, avvocato, Coira.
    Nato nel 1863 a Scuol, deceduto nel 1952 a Zurigo, fu avvocato a Coira (1890), deputato radicale al Gran Consiglio (1891–1913), consigliere agli Stati (1899–1913), fu sconfitto da Edmund Schulthess nella corsa per il Consiglio federale (1912), fu il primo consigliere federale romancio (1913–1920), su mandato della Società delle Nazioni sorvegliò il rispetto degli accordi germano-polacchi sull'alta Slesia (1922–1937), in veste di consigliere federale difese la linea dura proposta dai capi militari e dalla maggioranza borghese del Parlamento, in politica estera si batté soprattutto per l'ingresso della Svizzera nella Società delle Nazioni e l'annessione del Vorarlberg alla Svizzera (1919) che, rifiutata dalla maggioranza del Consiglio federale, fu tra le cause delle sue dimissioni
Robert Haab, Generaldirektor der schweizerischen Bundesbahnen, Bern
  1. Dr. Robert Haab, direttore generale delle Strade ferrate federali, Berna.
    Nato nel 1865 a Wädenswil, deceduto nel 1939 a Zurigo, dopo aver lavorato come avvocato a Zurigo aprì un proprio studio legale a Horgen (1889–1899), fu giudice al tribunale di appello di Zurigo (1899), municipale radicale a Wädenswil (1899–1894), sindaco (1894–1899), deputato al Gran Consiglio di Zurigo (1894–1902, 1906–1908), fu eletto nel Consiglio di Stato zurighese (1908–1912), direttore generale delle Strade ferrate svizzere (1912–1918), consigliere federale (1918–1929), presidente della Società Gottfried-Keller e presidente della Banca Popolare Svizzera (dal 1934)

  1. Dr. Hermann Häberlin, medico, Zurigo.
    Nato nel 1862 a Kirchberg TG, deceduto nel 1928 a Hedingen, lavorò come medico a Zurigo (1889), Indianapolis (1890–1892), aprì una clinica privata a Zurigo (1892–1894) e una clinica privata di chirurgia e ginecologia (1894–1920), rappresentò il partito radicale nel consiglio comunale di Zurigo(1904–1920), fu municipale (1920–1932), deputato al Gran Consiglio (1914–1935), eletto al Consiglio nazionale (1929–1935), fondatore e presidente della cassa malati zurighese per il personale di cura (1901), membro del comitato direttivo dell'Ufficio internazionale della pace (1920–1938), presidente dell'Associazione svizzera per la Società delle Nazioni

  2. Dr. Gottfried Heer, presidente dell'Associazione pel libero passaggio delle casse-malati del Canton Glarona, Hätzingen.
    Nato nel 1843 a Gretschins, deceduto nel 1921 a Hätzingen, fu pastore e decano a Betschwanden (1866–1906), membro del consiglio scolastico del Canton Glarona (1879–1887), presidente della commissione ecclesiastica riformata (1895–1902), consigliere agli Stati nelle fila del partito democratico e dei lavoratori (1906–1914, non costituiva un gruppo parlamentare), presidente del comitato per l'introduzione dell'assicurazione malattia e infortuni, fu tra i fondatori della Società botanica (1881) e della Società di scienze naturali di Glarona (1887), fondò un sanatorio per malattie polmonari a Braunwald e una cassa malati per il comprensorio di Diesbach-Dornhaus, Betschwanden e Rüti, fu autore di studi di storia locale, pubblicò una Bibbia per le famiglie glaronesi

  3. Johann Hirter, consigliere nazionale, Berna.
    Nato nel 1855 a Berna, deceduto nel 1926 a Berna, proprietario di una ditta di spedizioni e di commercio di carbone (1880), deputato radicale al Gran Consiglio bernese (1890–1894) e al Consiglio nazionale (1894–1919), presiedette il partito radicale del Canton Berna, fu membro del comitato centrale del partito radicale svizzero (1898–1911, temporaneamente presidente), fu primo presidente della Banca nazionale (1906–1923), membro della Camera di commercio svizzera, fondatore e primo presidente del consiglio di amministrazione della Ferrovia del Lötschberg (1906–1919)

  4. Adrien Le Cointe, vice-presidente della Federazione delle Società di mutuo soccorso della Svizzera francese, Ginevra.
    nessuna informazione

Dr. Daniel Pometta, Arzt, Brig
  1. Dr. Daniel Pometta, medico, Briga.
    Nato nel 1869 a Broglio, deceduto nel 1949, conseguì l'esame di stato di medicina (1894), fu medico nell'Ospedale di Briga (1899–1914), medico della Società di costruzione del Sempione Brandt, Brandau & Cie. a nord delle Alpi (1898–1906), medico nell'Ospedale circondariale del Vallese a Briga (1912–1914), medico capo dell'impresa generale delle Ferrovie del Lötschberg (a sud delle Alpi, traforo del Sempione II, 1912–1914), conseguì il dottorato all'Università di Losanna (1906), fu primo medico capo della Suva (1914–1934)

Dr. Paul Usteri, Ständerat, Präsident
  1. Dr. Paul Usteri, Consigliere agli Stati, Zurigo; presidente.
    Nato nel 1853 a Zurigo, deceduto nel 1927 a Zurigo, dopo gli studi di diritto conseguì il dottorato all'Università di Zurigo (1877), fu cancelliere del tribunale distrettuale a Meilen (1878–1885), segretario comunale (1885–1892) e municipale a Zurigo (1892–1896), deputato al Gran Consiglio di Zurigo (1889–1906), consigliere agli Stati (1900–1922), direttore della Schweizerische Lebensversicherungs- und Rentenanstalt (1896–1912), presidente del comitato di amministrazione della NZZ (1917–1927), presidente del consiglio della Banca nazionale svizzera (1923–1927), presiedette il partito radicale del Canton Zurigo (1907–1911), declinò la candidatura al Consiglio federale (1917), fece parte della delegazione svizzera presso la Società delle Nazioni (1920–1922)

Immagine iniziale: Sala del Consiglio di amministrazione della Suva

Per una migliore visualizzazione utilizzare l'esportazione in PDF.