Giacca con foglia nel taschino

Sostenibilità

  • La Suva si impegna a favore della sostenibilità sul piano ecologico, economico e sociale.
  • Una matrice della materialità evidenzia i settori di intervento più importanti per la Suva e i suoi gruppi di interesse.

La strategia di sostenibilità della Suva

La Suva attribuisce grande importanza alla sostenibilità: i prodotti e servizi, nonché l'esercizio operativo, soddisfano requisiti ecologici, economici e sociali.


Nel giugno 2015 un gruppo di specialisti ha esaminato la strategia di sostenibilità partendo dalle esperienze maturate nei primi anni. Ha identificato i settori di intervento rilevanti a tutti e tre i livelli della sostenibilità (ecologico, economico e sociale), orientandosi sul piano metodologico agli standard internazionali come la Global Reporting Initiative (GRI). A tale scopo sono state valutate le esigenze dei gruppi di interesse e sono stati coinvolti i processi aziendali più importanti.


Il risultato è una matrice della materialità, ampiamente condivisa, che evidenzia i settori di intervento più importanti per la Suva in termini di sostenibilità.


La nuova strategia è stata approvata dalla Direzione della Suva nell'estate 2015.

Gestione ambientale e protezione del clima

La Suva attribuisce grande importanza a un utilizzo delle risorse attento e rispettoso dell'ambiente. Per questo motivo contribuisce attivamente alla riduzione delle emissioni di gas serra in linea con gli obiettivi climatici della Svizzera. In particolare, si è posta l'obiettivo di ridurre del 30 per cento rispet-to al 2014 le emissioni aziendali di CO2 entro il 2025. La valutazione dei dati ambientali per il 2018 mostra che la Suva ha raggiunto questo obiettivo prima del previsto. I principali responsabili delle emissioni di gas serra della Suva, ovvero gli spostamenti per lavoro e il consumo di energia termica, sono calati di 1209 MWh (-8 per cento) ovvero di 296 000 km (-3 per cento) rispetto al 2017.

Il precoce raggiungimento dell'obiettivo relativo alle emissioni di CO2 è riconducibile a una serie di motivi. Innanzitutto, nella sede principale di Lucerna e nella Rehaklinik Bellikon viene impiegata per lo più corrente elettrica proveniente da fonti rinnovabili, come l'energia idroelettrica. Sul bilancio ener-getico hanno influito positivamente anche i notevoli risparmi conseguiti grazie ai lavori di ristruttura-zione e ampliamento della Rehaklinik Bellikon. Sia i nuovi fabbricati costruiti sia quelli modernizzati sono conformi allo standard Minergie-P. Nella tecnica della costruzione si fa un uso efficiente delle risorse e le strutture garantiscono la flessibilità necessaria per eventuali sviluppi futuri. Infine, vari progetti volti a ridurre il consumo energetico si sono dimostrati efficaci. Ad esempio, in diverse sedi della Suva si è passati a un sistema di illuminazione a LED e alcune modifiche a livello informatico hanno contribuito a ridurre il consumo di energia. Non da ultimo, i mesi invernali miti degli ultimi anni hanno avuto un effetto positivo sull'energia necessaria per il riscaldamento. In ogni caso, anche se l'obiettivo climatico per le emissioni di CO2 è stato raggiunto prima del previsto, il lavoro non è anco-ra finito. La Suva vuole, infatti, continuare a migliorarsi e si è già prefissata nuovi obiettivi in materia di clima.

Il nuovo obiettivo di riduzione della Suva per il periodo 2020-2030 si basa sull'obiettivo approvato alla Conferenza di Parigi sul clima, vincolante anche per la Svizzera, che prevede di limitare entro il 2050 l'innalzamento globale della temperatura a 1,5 °C oltre i livelli preindustriali (periodo dal 1850 al 1900). Nell'ambito della sua strategia immobiliare   la Suva si è già impegnata in questo senso per quanto concerne gli investimenti immobiliari fino al 2050. Su questa base sono stati definiti per tutti i siti aziendali i valori obiettivo per l'aumento dell'efficienza e per la quota di energie rinnovabili utiliz-zata per il riscaldamento. Gli obiettivi riguardanti la produzione energetica ecologica comprendono, oltre ai siti aziendali, anche l'intero portafoglio immobiliare.

Questi sono i valori obiettivo stabiliti:

  • Aumento dell'efficienza: entro il 2030 aumento del 20 per cento rispetto al 2017. Concretamente questo significa ridurre il consumo energetico da 28 a 22 milioni di kWh.
  • Energie rinnovabili per il riscaldamento: entro il 2030 aumento della quota di energie rinnovabili del 40 per cento rispetto al 2017. 
  • Produzione ecologica di elettricità: entro il 2030 ulteriore espansione degli impianti fotovoltaici a 1 milione di kWh di produzione annua rispetto al 2017.

Per la Suva è estremamente importante dare un contributo concreto agli obiettivi climatici della Sviz-zera. In qualità di datore di lavoro responsabile, con il suo impegno vuole infatti essere un esempio per le altre imprese.

Energia esemplare – Un'iniziativa della Confederazione

Nell'estate del 2012 la Confederazione, insieme alle imprese parastatali La Posta, FFS, Skyguide e Swisscom, ha annunciato misure concrete per aumentare l'efficienza energetica. Sotto il label «Energia esemplare – Un'iniziativa della Confederazione»   le parti interessate puntano a raggiungere entro il 2020 un aumento del 25 per cento dell'efficienza energetica rispetto al 2006. A tal fine sono state definite 39 misure congiunte, più sette misure specifiche, che i partecipanti all'iniziativa si sono impegnati a mettere in atto. In seguito ai risultati di una valutazione esterna, secondo la quale gli sforzi per una maggiore sostenibilità stanno dando visibilmente i loro frutti, la Confederazione ha deciso di prorogare il progetto fino al 2030. La Suva aderisce al progetto «Energia esemplare – Un'i-niziativa della Confederazione» dal 2018 e nel rapporto annuale 2018   ha presentato per la prima vol-ta una relazione sulle proprie attività in questo campo. Nell'ambito della ridefinizione dell'iniziativa per il periodo 2020-2030, la Suva ha formulato degli obiettivi che costituiscono allo stesso tempo i suoi nuovi obiettivi per il clima. Oltre alla Suva, sono attualmente nove le aziende parastatali impegnate a favore di una maggiore sostenibilità ed efficienza energetica nell'ambito dell'iniziativa.

La matrice della materialità

La matrice della materialità riflette da un lato l'attività principale della Suva ‒ assicurazione infortuni, prevenzione e reinserimento professionale ‒ con cui l'azienda fornisce un contributo importante a livello sociale, mentre dall'altro prende in considerazione argomenti di rilevanza ecologica e sociale come la protezione del clima, le pari opportunità o gli acquisti sostenibili. Tutti questi aspetti sono al centro della nuova strategia di sostenibilità.

Il modello Suva

Il modello Suva coniuga prevenzione, assicurazione e riabilitazione. In questo modo soddisfa i settori di intervento rilevanti della matrice della materialità. La sostenibilità sociale ha il proprio fulcro nell'impegno sul fronte della prevenzione e del reinserimento. Vi fanno parte anche un'ampia copertura assicurativa unitamente a un'efficienza imprenditoriale non orientata al profitto; gli utili ritornano infatti agli assicurati sotto forma di riduzioni di premio.

Informazioni sul portafoglio immobiliare e sulle varie destinazioni d'uso.

Immobili

Impegno fattivo contro lo spreco energetico

I collaboratori sono un fattore determinante ai fini della sostenibilità e vengono integrati nei progetti tesi a incentivare un cambiamento nel modo di pensare e comportarsi. Nel quadro del progetto Goodbye Standby, ad esempio, ci si è prefissi di ridurre lo spreco di energia sul posto di lavoro causato da apparecchi in modalità standby. Un diverso comportamento, ma anche vari strumenti tecnici come i timer, dovranno contribuire a risparmiare 150 000 kWh all'anno. L'agenzia Suva di Berna, insieme a Mobility, ha inoltre promosso l'utilizzo combinato dei mezzi di trasporto per rendere la mobilità ancora più sostenibile.

Uomo accende una lampada da ufficio.

Responsabilità sociale

La realizzazione di case per anziani fornisce un importante contributo allo sviluppo demografico. Nella costruzione di nuovi edifici la Suva tiene pertanto conto dei mutamenti a livello di abitudini di vita e dimensione delle famiglie. È inoltre consapevole della necessità di garantire alloggi a prezzi accessibili.
Sostenibilità sociale: progetto casa per anziani Emmenfeld

Datore di lavoro leale e attrattivo

La Suva punta a fare in modo che la piramide delle età dei propri collaboratori rispecchi quella della popolazione attiva svizzera.

La Suva vuole essere un datore di lavoro attrattivo e leale e attribuisce la dovuta importanza alle pari opportunità, un valore che comprende anche la parità salariale: nel 2015, in collaborazione con l'Istituto di ricerca sul lavoro e sul diritto del lavoro dell'Università San Gallo, la Suva ha svolto un'analisi sulla parità salariale tra uomini e donne. Stando ai ricercatori, la differenza salariale non spiegata del due per cento è decisamente al di sotto della media complessiva del settore. Questo risultato soddisfacente dimostra che la Suva si trova sulla buona strada verso una concreta parità salariale.

Informatevi sulla varietà delle figure professionali e sui posti vacanti.

Lavorare alla Suva

Investimenti sostenibili

Da anni, oltre alle valutazioni di ordine finanziario, nella politica di investimento della Suva svolgono un ruolo importante anche gli aspetti ecologici, etici e sociali. Restano fondamentali la sostenibilità economica e la stabilità finanziaria. La Suva è tenuta a raggiungere gli obiettivi di rendimento. L'attivo fisso è vincolato a uno scopo specifico, ossia coprire gli impegni finanziari previsti dalla legge che la Suva ha nei confronti dei propri assicurati.

La Suva ha sottoscritto i «Principi delle Nazioni Unite per l'investimento responsabile (UNPRI)» e si impegna in seno all'Associazione Svizzera per gli investimenti responsabili (ASIR) sin dalla sua fondazione nel 2015.

Approfondite i temi investimenti, rendimento e performance.

Strategia di investimento

Altri settori di intervento

La Suva si prefigge di ottimizzare i propri acquisti secondo criteri sostenibili. In una prima fase ha identificato gli acquisti rilevanti dal punto di vista della sostenibilità.

Chiedere a noi

Contatto