35° Torneo internazionale di calcio dei parlamentari a Baden

Il 18 e il 19 maggio 2007, i politici di quattro diversi Paesi si incontreranno per disputare il 35° Torneo internazionale di calcio dei parlamentari. La Suva è presente all'evento sportivo per aiutare i partecipanti a giocare senza subire infortuni.

Per una volta, Toni Bortoluzzi, Hildegard Fässler, Luzi Stamm & Co. indosseranno una tenuta da calcio al posto degli abiti 'normali'. Il 18 e il 19 maggio, infatti, formeranno insieme una squadra per affrontare sportivamente sul campo di calcio i colleghi politici di Germania, Finlandia e Austria. La Suva interviene al 35°Torneo internazionale di calcio dei parlamentari di Baden con diverse misure di prevenzione. L'obiettivo: permettere ai giocatori di disputare gli incontri senza che l'entusiasmo sia guastato da spiacevoli infortuni.
Gli infortuni sono fuorigioco
I parlamentari incarnano alla perfezione la categoria alla quale si rivolge la prevenzione nei tornei amatoriali di calcio. Professionalmente attivi, molto impegnati, per mancanza di tempo non riescono a seguire un allenamento regolare. La Suva coglie quindi l'opportunità di questo evento per richiamare l'attenzione sul tema e assicurare lo svolgimento di un torneo senza ossa rotte. Heinz Wyss, responsabile della campagna Calcio, Settore Sicurezza nel tempo libero della Suva: "Per noi, gli infortuni nel calcio meritano sempre il cartellino rosso. Uno dei fattori fondamentali di un torneo amatoriale senza infortuni è il fair play. Per questo a Baden scendono in campo solo arbitri ufficialmente tesserati."
Il riscaldamento è d'obbligo
Un riscaldamento corretto è importante quanto il fair play. E sarà affidato a Bigi Meier, ex-giocatore della nazionale e attualmente assistente allenatore della U21, in collaborazione con le squadre che di volta in volta si sfideranno sul campo. Per sciogliere i muscoli, i parlamentari calciatori hanno a disposizione tre esperti massaggiatori sportivi. "Sono tutte misure decisamente efficaci." Heinz Wyss parla per esperienza. "Con l'iniziativa della Suva «Sicurezza nei tornei di calcetto», infatti, dal 1998 il numero di infortuni nei tornei sponsorizzati dalla Suva si è ridotto della metà."

Lieni Füglistaller, consigliere nazionale e organizzatore dell'edizione di quest'anno del Torneo internazionale di calcio dei parlamentari, apprezza l'impegno della Suva: "Proprio nell'anno delle elezioni, nessun parlamentare si può permettere di restare inattivo a causa di un infortunio sportivo. Con il sostegno della Suva, siamo certi che il torneo sarà una festa del calcio memorabile e non turbata da infortuni." Il calendario e il programma generale, insieme a informazioni più dettagliate sul torneo, sono disponibili su www.euro07.ch

Una manifestazione di questo tipo è possibile solo grazie al supporto di numerosi volontari e sponsor (Alstom, Axpo, bfu, Credit Suisse, Cantone Argovia, Microsoft, Città di Baden, SuvaLiv, SWISSLOS, Società Sport-Toto, Loterie Romande).
Infortuni nel calcio e loro costi
Per la Suva, l'iniziativa «Sicurezza nei tornei di calcetto» e la campagna «L'11», abbinati al fair play, sono i fattori essenziali per la prevenzione degli infortuni nel calcio. Oltre a evitare la sofferenza di chi ne è vittima, l'obiettivo è ridurre i costi che ne derivano e le conseguenze economiche della perdita di oltre mezzo milione di giorni lavorativi, causata ogni anno da quasi 40 000 infortuni nel calcio (statistica infortuni LAINF 2006).
Informazioni per i giornalisti:
Suva, Public Relations, Barbara Salm, Fluhmattstrasse 1, 6002 Luzern
Tel: 041 419 50 25; Fax: 041 419 60 62, barbara.salm@suva.ch 

* * *

La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,8 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.