Suva - ridurre gli infortuni nei tornei di calcetto

Per i professionisti del pallone la stagione volge al termine, mentre per gli appassionati di calcetto è solo agli inizi. Anche quest’anno la Suva sponsorizza la prevenzione in oltre 120 tornei di calcetto e in 30 tornei aziendali. Con grande successo, visto che gli infortuni nei tornei sponsor-izzati dalla Suva sono soltanto la metà rispetto agli altri tornei di calcetto.

In questi giorni si disputano i primi tornei di calcetto. Più di 70 000 appassionati scendono in campo per giocarsi la vittoria nei circa 250 tornei di calcetto e aziendali che si svolgono in Svizzera. Molto apprezzati dai calciatori amatoriali, questi tornei sono tuttavia poco graditi a molti datori di lavoro perché il rischio di farsi male è alto. Quindi non sorprende che molte aziende proibiscono ai propri dipendenti di iscriversi a queste manifestazioni sportive. Ed in effetti, spesso l’agonismo sconfigge il talento in campo, e l’ambizione di vincere mette fuorigioco il fair play.
Tornei di calcetto – la cattiva fama è immeritata
Dal 1998 la Suva promuove la sicurezza nei tornei di calcetto in collaborazione con l’Associazione Svizzera di Football (ASF) e l’Associazione Svizzera Arbitri (ASA). Ogni anno è presente in oltre 120 tornei di calcetto e in 30 tornei aziendali che si disputano in Svizzera. Con grande successo: nei tornei sponsorizzati dalla Suva gli infortuni sono la metà degli altri tornei amatoriali. Una discrepanza notevole dovuta in primo luogo al fatto che nei tornei sponsorizzati dalla Suva scendono in campo anche arbitri tesserati.
"Giocare nel rispetto del fair play riduce enormemente il rischio d’infortunio“, afferma Heinz Wyss, responsabile del progetto Sicurezza nei tornei di calcetto. „Ai tornei sostenuti dalla Suva si iscrivono un gran numero di squadre, e la scarsa percentuale di infortuni si riflette in positivo sull’immagine del torneo“, aggiunge Wyss.
Set per torneo

La ricetta per ridurre gli infortuni in campo è molto semplice: la Suva mette a disposizione un apposito set che comprende opuscoli e liste di controllo per informare sulle misure di prevenzione, parastinchi e calzettoni, canotte e un CD per riscaldarsi a suon di musica. La Suva sostiene gli organizzatori nell’ingaggiare arbitri tesserati. Per onorare gli sforzi profusi a favore della prevenzione infortuni, la Suva contribuisce con 500 franchi all’organizzazione del torneo, fatta esclusione per i tornei aziendali.

Gli obblighi imposti dalla Suva:
  • usare i parastinchi in campo
  • i giocatori di una squadra mettono una canotta dello stesso colore
  • indossare scarpette con suola multitacchetti (vietate le scarpette da tennis)
  • tendone per il pronto soccorso
  • elenco con i numeri di pronto soccorso
  • esercizi di riscaldamento prima della partita
Maggiori informazioni ai giornalisti:

Heinz Wyss, responsabile progetto Sicurezza nei tornei di calcetto, Suva, Fluhmattstrasse 1, 6002 Lucerna, tel. 041 419 56 63, fax 041 419 50 03, heinz.wyss@suva.ch 

Angela Zobrist, Public Relations, Suva, Fluhmattstrasse 1, 6002 Lucerna, tel. 041 419 54 76, fax 041 419 60 62, angela.zobrist@suva.ch 

La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,8 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.