Consegna dei diplomi di ingegnere della sicurezza

Il 29 giugno a Friburgo si sono diplomati 40 nuovi ingegneri della sicurezza. La consegna del diploma rappresenta la conclusione di una formazione specializzata organizzata dalla Suva per conto della Commissione federale di sicurezza sul lavoro (CFSL).

Nel 2007 15 romandi, 24 svizzero-tedeschi e 1 ticinese hanno ottenuto il titolo di ingegneri della sicurezza. Con la qualifica ottenuta i nuovi diplomati rivestono un ruolo chiave nella strategia di sicurezza integrata delle imprese del nostro paese. La formazione comprende in particolare l’analisi del rischio presso un’azienda, punto di base per soddisfare le esigenze della direttiva MSSL semplificata, entrata in vigore il 1° febbraio di quest’anno.
Pochi moltiplicatori
In generale gli strumenti di analisi e di sicurezza sono noti e hanno dimostrato la loro efficacia. Inoltre la formazione di specialisti (ingegneri e addetti alla sicurezza) risponde alla richiesta delle aziende. La formazione dei cosiddetti moltiplicatori (assistenti e coordinatori della sicurezza) non permette invece ancora di rispondere alle esigenze delle grandi aziende e delle PMI. Il lavoro dei moltiplicatori è fondamentale in materia di sicurezza. Sono infatti loro a fare da ponte tra gli specialisti e i diversi livelli gerarchici dell’impresa (cfr. diagramma della formazione).
Per informazioni complementari indirizzarsi a:
Jean-Luc Alt, Relazioni pubbliche Suva, 1701 Friburgo
Tel. 026 350 37 81; cell. 079 434 30 59; jeanluc.alt@suva.ch 

* * *

La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,8 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.