Suva: i clienti chiedono assicurazioni complementari

I clienti della più grande assicurazione contro gli infortuni svizzera sono molto soddisfatti. Lo dimostra un sondaggio condotto alla fine del 2007 su 39 547 clienti Suva. Due terzi degli intervistati auspicano che la Suva possa offrire in futuro anche le assicurazioni complementari.

Ogni tre anni la Suva effettua un sondaggio fra i suoi clienti. L'esito dell'ultimo sondaggio conferma ampiamente gli ottimi risultati del 2004. Buono anche il tasso di risposta, che si attesta al 22 per cento (8790 questionari compilati).

Suva, sinonimo di efficienza

L'84per cento degli intervistati si dice soddisfatto o molto soddisfatto della propria assicurazione infortuni. Soltanto l'8 per cento è critico nei confronti della Suva. Su una scala da 1 a 100, la disponibilità a consigliare la Suva ad altre aziende si attesta a quota 77, mentre il livello di efficienza della Suva è addirittura valutato con 80 punti. Particolarmente efficiente è la gestione degli infortuni, a cui i clienti hanno attribuito ben 83 punti su 100. Un giudizio molto positivo è stato espresso anche sulle attività di prevenzione: quelle svolte nel campo dell'assicurazione infortuni professionali (AIP) hanno ottenuto 79 punti, quelle dell'assicurazione infortuni non professionali (AINP) 77.

Molto richieste le prestazioni accessorie

Accanto all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, la Suva vorrebbe fornire anche altri servizi. Nell'ambito della revisione della legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF) si impegna affinché venga creato il quadro normativo necessario. Oltre all'assicurazione infortuni obbligatoria, la Suva auspica di poter offrire anche le assicurazioni complementari, al pari degli assicuratori privati. Due terzi dei clienti concordano con questo proposito, soprattutto perché avere un solo interlocutore per i vari aspetti dell'assicurazione infortuni ridurrebbe i loro oneri burocratici.

Migliore valutazione dei premi

Il principio di solidarietà della Suva è radicato anche nei clienti. Il 42per cento degli intervistati ritiene che gli oneri siano equamente distribuiti tra gli assicurati. Rispetto ai risultati del 2004, si è registrato un incremento del 4 per cento nella valutazione attribuita alla determinazione dei premi, sia nel ramo AIP (67 punti) che nel ramo AINP (68 punti). La Suva riconduce questo risultato alla maggiore comunicazione e informazione sul sistema dei premi (eventi informativi, colloqui con i clienti e distribuzione di materiale informativo).

Per ottenere un'elevata soddisfazione dei clienti, la Suva ha fatto suo il modello EFQM della European Foundation for Quality Management. Per il suo eccellente orientamento ai clienti, nel 2004 è stata insignita del premio Esprix for Business Excellence. Il mix di prodotti della Suva, costituito da assicurazione, prevenzione e riabilitazione, permette di rispondere efficacemente alle esigenze dei clienti. La stessa organizzazione della Suva, gestita pariteticamente dai datori di lavoro e dai lavoratori, le permette di essere particolarmente vicina ai suoi assicurati e di trovare soluzioni sostenibili per tutte le parti.

I giornalisti che desiderano maggiori informazioni possono contattare:

Erich Wiederkehr, comunicazione d'impresa, Suva, Fluhmattstrasse 1, 6002 Lucerna, tel. 041 419 56 23, erich.wiederkehr@suva.ch@suva.ch 

La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,8 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.

Newsletter. Abbonarsi ora all'indirizzo internet www.suva.ch/newsletter-i