Consegna del Trofeo fair play 2007-2008

Nel calcio si vince segnando, ma non solo. Dal 2004 giocando con fair play si possono vincere addirittura dei premi in contanti. Il 3 ottobre 2008, allo Stade de Suisse di Berna, l’Associazione svizzera del football (ASF) e la Suva consegnano i premi del Trofeo fair play. Il vincitore della stagione 2007-2008 è il FC Elgg (ZH), seguito dal FC La Sionge (FR) e dal FC Bühler (SG).

Il FC Elgg vince il primo premio del Trofeo fair play 2007-2008, organizzato dal 2004 dall’ASF e dalla Suva. Grazie all’irreprensibile comportamento tenuto sul campo durante tutta la stagione, la squadra vince un premio di 10000 franchi. Il FC La Sionge, secondo classificato, è la prima squadra romanda sul podio del Trofeo fair play e porta a casa un premio di 8000 franchi. Il FC Bühler, terzo classificato, riceve 7000 franchi. In totale, 62 club sono stati lodati per il loro fair play, i primi 10 hanno ricevuto un premio in contanti.

Affinché il calcio rimanga un gioco

Con il Trofeo fair play, l’Associazione svizzera del football (ASF) e la Suva vogliono promuovere maggiormente il fair play nel calcio. Possono partecipare al concorso i club le cui squadre giocano nei campionati regionali attivi, seniores e veterani nonché le leghe del calcio femminile. Le squadre sono ispezionate dai responsabili regionali per il fair play e la sicurezza, i quali le giudicano in campo secondo criteri uniformi.

Prevenzione nel calcio

In qualità di maggiore assicuratore svizzero, la Suva si occupa di prevenzione, assicurazione e riabilitazione. Proprio perché lavora su questi tre fronti, la Suva è in grado di trovare soluzioni efficaci su tutta la linea e in particolare nella sicurezza nel tempo libero.

In Svizzera si contano 220000 calciatori tesserati. Altri 400000 amatori giocano a calcio nel tempo libero. Non per tutti però la partita finisce dopo 90 minuti. Ogni anno infatti si registrano 40000 infortuni che, quantificati in denaro, costano agli assicuratori mezzo milione di giornate di lavoro e oltre 145 milioni di franchi all’anno, senza contare i costi indiretti sostenuti dalle aziende (da 2 a 5 volte i costi diretti), le quali sono costrette a sostituire i collaboratori infortunati.

Campagna «L’11»

Le lesioni nel calcio riguardano in particolare gli arti inferiori: distorsioni alla caviglia, stiramenti al ginocchio, strappi alla coscia. La Suva, l’Associazione svizzera del football e il Centro di ricerche mediche della FIFA hanno ideato un programma di allenamento speciale chiamato «L’11». Il programma comprende 10 esercizi e un appello al fair play. Gli esercizi si rivelano doppiamente utili: si allenano i muscoli e si migliora la stabilità e la coordinazione fisica. Svolgere regolarmente gli esercizi aiuta inoltre a incrementare le prestazioni e a ridurre il rischio d’infortunio giocando a calcio.

Prevenzione nei tornei di calcetto

Ogni anno SuvaLiv sponsorizza in tutta la Svizzera circa 100 tornei di calcetto. L'impegno ha dato i frutti sperati. I tornei assistiti dalla Suva presentano un numero di infortuni ridotto della metà rispetto agli altri tornei di calcetto.

Iniziativa «Sicurezza nei tornei di calcetto»

SuvaLiv offre agli organizzatori di tornei di calcetto una serie di servizi e di strumenti utili. A loro volta gli organizzatori si impegnano a conformare il torneo ai criteri di sicurezza definiti dalla Suva.

Per maggiori informazioni: www.suvaliv.ch/campagne

Maglietta «Fair play» per gli arbitri

Su iniziativa dell’Associazione svizzera del football (ASF) e della Suva, gli arbitri svizzeri indossano i colori del fair play anche sul campo di gioco.

4500 magliette con il simbolo del fair play sono state distribuite agli arbitri della lega amatori (dalla 2° alla 5° lega), facendoli così diventare testimonial della campagna a favore del rispetto nel calcio.

Quando si parla di fair play è impossibile non parlare di arbitri. Sono loro che vigilano sul rispetto delle regole del gioco e che garantiscono un comportamento corretto in campo e fuori. Il loro impegno permette di evitare molti infortuni e grazie al loro intervento il gioco è più fluido e più bello.

Le foto della consegna dei premi possono essere scaricate all’indirizzo: www.football.ch  

Per maggiori informazioni i giornalisti possono rivolgersi a:

Jean-Luc Alt, Suva, Comunicazione aziendale, rue de Locarno 3, 1701 Friburgo,
Tel. 026 350 37 81, cell. 079 434 30 59, jeanluc.alt@suva.ch 

La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,9 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.

Newsletter. Abbonarsi ora all'indirizzo internet www.suva.ch/newsletter-i