Suva: nel 2008 meno rendite ma più infortuni

Rendite per infortunio al minimo storico Rendite ancora una volta in calo per la Suva: le 2210 rendite d'invalidità assegnate nel 2008 sono quasi l'11 per cento in meno rispetto all'anno precedente, il minimo storico dall'entrata in vigore della legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni nel 1984.

Nel 2008 la Suva ha assegnato 2210 rendite d'invalidità per infortunio, il 10,9 per cento in meno rispetto all'anno precedente. Sono in calo anche i costi, che da 681 milioni di franchi nel 2007 sono scesi a 631 milioni nell'anno da poco concluso (50 milioni ovvero il 7,3 per cento in meno). Il costo medio di una nuova rendita d'invalidità si è attestato attorno ai 286 000 franchi, con un grado d'invalidità medio del 29,8 per cento.

Per la Suva questo risultato è riconducibile a due fattori principali. Il primo è il new case management (NCM), l'innovativa strategia di reinserimento introdotta nel 2003. Essa prevede la gestione olistica della complessa situazione lavorativa, familiare e sociale che la persona infortunata si trova ad affrontare e che da sola non riuscirebbe a superare se non con grandi difficoltà.

Il secondo fattore è di tipo congiunturale: il buon andamento economico che ha caratterizzato la prima metà del 2008 ha favorito la disponibilità delle imprese ad offrire un nuovo posto di lavoro ai dipendenti infortunati dopo la riabilitazione, anche se questi, in alcuni casi, non erano più in grado di fornire la piena prestazione. La disponibilità ad occupare un infortunato è incentivata anche dal partenariato sociale su cui si fonda
l'organizzazione della Suva (nel suo Consiglio d'amministrazione i datori di lavoro e i lavoratori sono rappresentati pariteticamente).

In confronto al dato record del 2003, le rendite d'invalidità assegnate dalla Suva sono diminuite di circa un terzo (da 3357 a 2210). Ancora più marcata è stata la flessione dei costi, che hanno subito un calo di quasi il 40 per cento (da 1029 a 631 milioni di franchi, ovvero -38,7 per cento).

Le risorse così risparmiate vanno direttamente a beneficio degli assicurati, dal momento che la Suva redistribuisce le eccedenze attraverso riduzioni sui premi.

Nel 2008 le persone che percepivano una rendita della Suva erano 99 368. Le rendite d'invalidità erano 77388, quelle per superstiti 21 980. Per tutte le rendite la Suva ha sostenuto un onere totale di 1,5 miliardi di franchi.
La neve abbondante complice dell'aumento degli infortuni
Nell'anno da poco trascorso la Suva ha registrato il 5,3 per cento in più di infortuni nel tempo libero. Dopo una lieve flessione nel 2007, nel 2008 si è assistito ad un aumento dei casi, che da 239016 sono saliti a 251803. Una parte consistente degli infortuni nel tempo libero è legata agli sport invernali (sci e snowboard). Gli infortuni sulla neve notificati alla Suva sono stati 17406, ovvero 3803 in più del 2007 (+28,0%). Il dato è riconducibile alle abbondanti nevicate del 2008 e al bel tempo che ha caratterizzato la stagione invernale.

Gli infortuni nel calcio sono aumentati del 6,8 per cento, attestandosi ad un totale di 28957. Non è tuttavia dimostrabile che il calcio sia stato maggiormente praticato per effetto degli Europei 2008.

Un aumento si registra anche per quanto riguarda gli infortuni da incidenti stradali. Nel 2008 sono pervenute alla Suva 36400 notifiche, equivalenti ad un incremento del 6,9 per cento. L'esperienza insegna che questo genere di infortuni comporta costi molto elevati: la media è di 13 000 franchi per caso, ovvero circa il triplo di un infortunio sportivo (4100 franchi).

Più moderato l'andamento nel ramo infortuni professionali. Le notifiche di infortunio sul lavoro e di malattia professionale hanno subito soltanto un aumento dello 0,8 per cento attestandosi a 186010.

L'assicurazione infortuni dei disoccupati ha continuato nel 2008 a beneficiare della crescita economica, registrando un calo degli infortuni pari all'11,2 per cento (da 13204 a 11723 notifiche).

Le cifre 2008
Le cifre riportate nel testo si riferiscono agli infortuni subiti dagli assicurati Suva. La Suva è la più grande assicurazione contro gli infortuni in Svizzera e assicura circa la metà dei lavoratori svizzeri, occupati per la gran parte nell'industria e nell'artigianato. L'assoggettamento di un'impresa alla Suva avviene in base all'articolo 66 della legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF)
Contatti per i giornalisti
Erich Wiederkehr, Suva, comunicazione d'impresa, Fluhmattstrasse 1,
6002 Lucerna, tel. 041 419 56 23, erich.wiederkehr@suva.ch 

Jean-Luc Alt, Suva, comunicazione d'impresa, rue de Locarno 3, 1701 Friburgo,
tel. 026 350 37 81, jeanluc.alt@suva.ch 


La Suva è un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura oltre 100 000 aziende, ossia circa 1,9 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Su incarico della Confederazione gestisce anche l'assicurazione militare. Le sue prestazioni comprendono la prevenzione, l'assicurazione e la riabilitazione. Dalla Suva i clienti possono attendersi correttezza, cortesia, competenza e orientamento ai risultati. La Suva non riceve sovvenzioni ma si autofinanzia. Gli utili vanno a beneficio degli assicurati. Nel suo Consiglio d'Amministrazione siedono i rappresentanti delle parti sociali e della Confederazione.

Newsletter. Abbonarsi ora all'indirizzo internet www.suva.ch/newsletter-i