Il tempo libero mette a dura prova l'udito

Contrariamente a quanto accade sul lavoro, nel tempo libero l’udito è spesso esposto senza protezione a livelli elevati di rumore. In occasione della giornata contro il rumore, il 28 aprile, la Suva presenta la classifica delle attività più a rischio nel tempo libero.

Per sapere a quale rumore si è esposti svolgendo un determinato lavoro o utilizzando una particolare attrezzatura, è sufficiente consultare una delle 60 tabelle del rumore elaborate dalla Suva, le quali elencano non solo i livelli sonori più comuni, ma anche le precauzioni da adottare, ad esempio informazioni ai collaboratori, misure per abbattere il rumore o protezione dell'udito. Questo si è dimostrato molto utile. Infatti, la Suva ha registrato una netta diminuzione dei danni all’udito professionali che sono passati dal 37 per cento di 30 anni fa al 9 per cento di oggi. Diversa, purtroppo, la situazione per le attività nel tempo libero: spesso non ci si rende conto a quali livelli sonori ci si espone e quindi non ci si protegge adeguatamente. Dopo aver misurato il rumore a cui si è esposti durante alcune attività ricreative, la Suva ha presentato risultati e consigli.
Fuochi d’artificio e conseguenze
Chi usa i fuochi d’artificio in maniera inappropriata mette in pericolo se stesso e gli altri. Ad esempio il «flashing thunder», rilevato a distanza di un metro dall’orecchio, raggiunge i 165 decibel (dB), un livello di picco paragonabile allo sparo di un’arma da fuoco. Queste detonazioni devono avvenire in aria e mai vicino a persone, perché potrebbero danneggiarne seriamente l'udito.
Sparare fa male
Il primato va a chi fa tiro a segno, le cui armi superano i 160 dB anche se solo per un millesimo di secondo. I tiratori ne sono consapevoli e da tempo proteggono il loro udito. Più reticenti sono invece i cacciatori, che non vogliono perdersi il minimo rumore utile a scovare la preda. E se è pur vero che le armi da caccia fanno meno rumore, capita non di rado che il cacciatore resti con il carniere vuoto e un acufene all'orecchio.
Calcio e rumore
In vista dei mondiali di calcio stanno spopolando le «vuvuzelas», tipiche trombette di plastica sudafricane che riproducono il barrito di un elefante. Ma più che disturbare la squadra avversaria, rischiano di danneggiare l’udito dei tifosi sugli spalti, visto che con i 108 dB che emettono bastano pochi minuti per raggiungere la dose settimanale tollerata. Le «trichlen», versione svizzera delle vuvuzelas sotto forma di campanacci, non sono da meno: i decibel misurati all’interno di un gruppo di tifosi sono ben 110 e l’esposizione al rumore dura a lungo. Nella curva Muttenz dello stadio St. Jakob di Basilea si è rilevato un livello sonoro costante di 105 dB. Si spera vivamente che i tifosi usino i tappi per le orecchie!
Basilea - Lucerna 110 a 105
Il carnevale di Basilea può sembrare più composto rispetto a quello di Lucerna, ma sicuramente non è senza rischio per l'udito dei pifferai. Sollecitati da 110 dB, possono considerarsi fortunati se le loro orecchie fischiano solo durante i tre giorni del carnevale! Le «guggen» di Lucerna viaggiano tradizionalmente sui 105 dB. Gli «irriducibili» del carnevale si sono equipaggiati da tempo con speciali tappi per le orecchie. Le cose non vanno bene per i «geislechlöpfer», ossia le figure popolari che nella Svizzera interna cercano di placare gli spiriti dell'inverno a colpi di frusta: saranno pure instancabili, ma non si può dire lo stesso delle loro orecchie, che con livelli di picco fino a 145 dB raggiungono il valore limite di esposizione già dopo un minuto.
Musica per le orecchie
Quando si parla di rischi per l’udito nel tempo libero i principali imputati sono discoteche e lettori MP3. Dal 1996 gli eventi musicali in Svizzera devono rispettare la soglia di 100 dB; lo stesso vale per i lettori MP3. Anche se oggigiorno i brani musicali sono preparati in modo da amplificare al massimo il volume e da sfruttare appieno le caratteristiche dei lettori, in genere chi utilizza gli MP3 ascolta la musica a un livello inferiore agli 85 dB settimanali e quindi resta nella fascia di sicurezza. Gi ottoni di una big band o di una banda di paese raggiungono livelli sonori pari a circa 95 dB: per chi vi suona, la protezione dell’udito diventa un must. La situazione è ancora più grave per i gruppi pop o rock che durante le prove raggiungono solitamente almeno 100 dB. L’isolazione acustica verso l’esterno protegge i vicini, l’assorbimento acustico verso l’interno allevia l’udito dei musicisti.
Buchi nel cemento e nell’orecchio interno
Il «fai da te» è oggi la passione di molti uomini e di un numero crescente di donne. Ma con i loro 95 dB, i trapani e le seghe circolari non lavorano solo il cemento e il legno ma si fanno sentire anche a livello delle cellule sensoriali dell’orecchio interno. Fortunatamente nei negozi specializzati, di fianco agli attrezzi, sono esposte anche le protezioni per l‘udito.
Motori e rumori

Andare in moto piace a molti. Ma il rumore provocato dalle motociclette è fastidioso non solo per chi abita in prossimità delle strade preferite dai motociclisti ma anche per i motociclisti stessi. Sotto il casco, in autostrada, i decibel misurati arrivano a 100. I motociclisti lo sanno bene, e nei viaggi lunghi si proteggono con tappini di gommapiuma. Chi viaggia in cabriolet è esposto a 75 dB sulle strade extraurbane, rispettivamente 85 dB in autostrada. In galleria il livello sale addirittura a 90 dB, o 95 in presenza di camion o moto.

  • Tutti i valori sono indicati in dB(A), vale a dire livelli sonori ponderati.
  • Si è misurato il livello sonoro costante Leq durante l‘attività; per le detonazioni è indicato il livello di picco LPeak.
Prestazioni a rischio con la revisione LAINF
La Suva vanta un solido sistema di finanziamento e non riceve sussidi. Durante la revisione della legge contro gli infortuni, la Commissione d'esame preliminare del Consiglio nazionale ha deciso di ridurre le prestazioni dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, abbassando la copertura assicurativa del 20 per cento circa. In futuro gli stipendi saranno assicurati fino a un massimo di circa 100 000 franchi l’anno contro gli attuali 126 000 franchi. Il grado minimo di invalidità passerà dal 10 al 20 per cento. Al giorno d'oggi le rendite inferiori al 20 per cento facilitano il reinserimento nel mondo del lavoro. L'incremento del grado minimo d'invalidità aumenterà le controversie sulla responsabilità civile tra lavoratori e datori di lavoro, rendendo più difficile il reinserimento professionale. Questo taglio sulle prestazioni è tanto più inspiegabile se si considera che la legge sull’assicurazione infortuni funziona benissimo, si fonda su un solido sistema di finanziamento e non ha certo bisogno di essere risanata.
Maggiori informazioni ai giornalisti
Helene Fleischlin, Comunicazione d'impresa
tel. 041 419 65 14, helene.fleischlin@suva.ch 

Fondata nel 1918, oggi la Suva occupa 2900 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 19 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. È un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura 110 000 imprese, ovvero 2 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva ha un volume premi di 4,4 miliardi di franchi. Si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.