Klus-Balsthal: la squadra meno fallosa in Svizzera

Una volta tanto non è il Basilea a essere il primo della classe, ma il Football Club Klus-Balsthal. I giocatori della squadra di Soletta hanno vinto il trofeo fair play davanti al FC Therwil e al FC Seefeld. Il primo a complimentarsi con i giocatori più corretti della Svizzera e consegnare loro un assegno di 10 000 franchi è stato il commissario tecnico della nazionale rossocrociata, Ottmar Hitzfeld. Il trofeo fair play viene assegnato ogni anno dall'Associazione Svizzera di Football (ASF) e dalla Suva.

Durante una partita di calcio si ammirano gol spettacolari, si assiste a parate straordinarie e si vivono emozioni forti. Purtroppo non mancano le scene di agonismo esasperato, le discussioni concitate con l'arbitro e il poco rispetto verso gli avversari dopo una sconfitta. Che si possa giocare a calcio senza questi spiacevoli episodi lo ha dimostrato nella stagione passata il Football Club Klus-Balsthal. La squadra del Canton Soletta vince il trofeo fair play sponsorizzato dall'Associazione Svizzera di Football (ASF) e dalla Suva. «Il fair play rispecchia il carattere dei giocatori e della squadra» afferma Ottmar Hitzfeld. Lo scorso venerdì, 19 ottobre, il commissario tecnico della nazionale svizzera è stato il primo a complimentarsi con i giocatori del FC Klus-Balsthal e a consegnare loro un buono per articoli sportivi per il valore di 10 000 franchi. Tra gli oltre 953 club in gara, a piazzarsi alle spalle del primo in classifica sono stati il FC Therwil, il FC Seefeld, il FC Stammheim e il FC Kerns. Ciascuna squadra ha ricevuto un buono di importo variabile tra i 9000 e i 6000 franchi.
La correttezza in campo ti fa vincere
Dal 2004 il trofeo fair play viene conferito ogni anno alle dieci squadre più corrette del campionato svizzero riunite per l'occasione allo Stade de Suisse di Berna. Concorrono al premio tutte le quadre dei campionati regionali delle categorie attivi, seniores e veterani. Nella prima fase della selezione, si contano le penalità assegnate durante il girone di andata. Si qualificano per il secondo turno le cinque squadre per regione con meno sanzioni. Nel girone di ritorno si considerano altri criteri, come il comportamento verso gli avversari, gli arbitri, gli allenatori e i funzionari.
Gli infortuni provocano costi elevati

In Svizzera giocano a calcio regolarmente oltre 250 000 tesserati e saltuariamente circa 400 000 calciatori della «domenica». Ogni anno, sul terreno di gioco, si contano quasi 40 000 infortuni. Un numero molto elevato che non si registra in nessuna altra disciplina sportiva e che provoca, oltre a molte sofferenze, anche la perdita di mezzo milione di giornate lavorative e costi assicurativi che superano i 145 milioni di franchi l’anno. Per questo motivo la Suva interviene per ridurre gli infortuni e i costi che ne conseguono. A beneficiarne sono, in ultima istanza, gli assicurati sotto forma di premi più bassi.

La classifica del trofeo fair play è pubblicata al sito: www.football.ch 

Le foto della consegna del trofeo fair play da parte di Ottmar Hitzfeld sono disponibili all'indirizzo: www.photopress.ch 

Informazioni ai giornali:

Barbara Senn, Comunicazione d'impresa
Tel. 041 419 54 76, barbara.senn@suva.ch 

 

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3100 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,4miliardi di franchi, la Suva assicura 118000 imprese, ossia 1,9milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.