Assicurazione militare: infortuni e malattie in calo, costi complessivi stabili

L'Assicurazione militare chiude il 2012 con risultati molto soddisfacenti: le prestazioni assicurative sono nuovamente scese e i costi complessivi non segnano incrementi, benché la copertura assicurativa sia salita a quasi 10 milioni di giorni di servizio. È quanto si evince dalla statistica 2012 sull'Assicurazione militare pubblicata dalla Suva.

L'Assicurazione militare chiude l'esercizio 2012 in positivo: le prestazioni assicurative sono scese a 195 milioni di franchi (anno precedente 197 milioni). Le spese amministrative, pari a 21 milioni di franchi, sono leggermente salite rispetto all'esercizio precedente, ma restano comunque nei limiti preventivati. Sebbene abbia assicurato all'incirca 10 milioni di giorni di servizio, l'Assicurazione militare è riuscita a impedire l'aumento dei costi complessivi grazie a una gestione rigorosa delle spese di cura e delle indennità giornaliere e grazie anche al calo delle rendite.

Servizio civile: più giorni di servizio e più casi
Sono invece aumentati i giorni prestati nel servizio civile, un trend che si è delineato la prima volta nel 2010. Lo scorso esercizio sono stati prestati quasi 1,2 milioni di giorni di servizio, ossia oltre il 30 per cento in più rispetto al 2010. Questa tendenza si accompagna all'incremento delle malattie e degli infortuni notificati da chi presta servizio civile; i casi registrati nel 2012 ammontano a 4213, mentre erano 4047 nell'anno precedente. I militari hanno prestato complessivamente 6,3 milioni di giorni di servizio, un dato leggermente in crescita rispetto ai 6,2 milioni di giorni prestati nell'anno precedente. Nonostante questo lieve incremento dei giorni di servizio militare, le malattie e gli infortuni notificati sono scesi da 24 805 a 23 967 casi.
Calo delle prestazioni assicurative
All'incirca il 55 per cento delle prestazioni versate dall'Assicurazione militare è costituito dalle rendite che, nel 2012, ammontavano a 107 milioni su un totale di 195 milioni di franchi. Rispetto al 2011 si registra una riduzione di 4 milioni di franchi conseguente al minor numero di beneficiari di rendita. Questo calo non è dovuto soltanto al decesso dei beneficiari di rendita, ma anche alla sistematica attuazione del case management e al reinserimento professionale degli infortunati che hanno portato a una diminuzione delle nuove rendite.

L'Assicurazione militare
La Suva gestisce l'Assicurazione militare su mandato della Confederazione. Sono assicurate le persone impegnate nei servizi di sicurezza e di pace della Confederazione (esercito, servizio civile e protezione civile, missioni di pace, Corpo svizzero di aiuto umanitario, militari di professione o a contratto temporaneo). L'Assicurazione militare copre qualsiasi danno alla salute fisica, psichica o mentale subito dall'assicurato durante o a seguito del servizio militare o di una missione, indipendentemente dal fatto che il danno sia stato causato da infortunio o malattia. L'Assicurazione militare è finanziata con i mezzi stanziati dalla Confederazione, tramite i premi pagati dagli assicurati (a titolo professionale o facoltativo) e i proventi da regresso. Per maggiori informazioni sull'Assicurazione militare si rimanda al sito www.assicurazione-militare.ch.

La statistica sull'Assicurazione militare
I risultati d'esercizio conseguiti dall'Assicurazione militare sono d'interesse pubblico perché essa costituisce un tassello essenziale nel sistema delle assicurazioni sociali in Svizzera. Perciò i dati statistici sono pubblicati con cadenza annuale. La «Statistica sull'Assicurazione militare» fotografa l'effettivo assicurato, l'andamento dei casi e le prestazioni dell'Assicurazione militare. L'edizione 2013 della Statistica è disponibile in francese e tedesco e può essere ordinata o scaricata gratis al sito: www.suva.ch/waswo-i  (Il link viene aperto in una nuova finestra) , codice (4514.i).

Informazioni ai giornalisti
Barbara Senn, Comunicazione d'impresa
tel. 041 419 54 76, barbara.senn@suva.ch 


Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3000 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. È un'azienda autonoma di diritto pubblico che assicura 115 000 imprese, ovvero 2 milioni di lavoratori e disoccupati, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva ha un volume premi di 4,3 miliardi di franchi. Si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione