È sufficiente un clic del mouse per inviare ai cantoni il conteggio dell'imposta alla fonte

Giovedì, nell'ambito del Forum swissdec 2013 a Berna, è stata effettuata la prima trasmissione elettronica del conteggio dell'imposta alla fonte ai cantoni. Circa 200 persone tra quadri, produttori di software salariali e destinatari di dati salariali riuniti presso lo Stade de Suisse hanno assistito dal vivo al «clic di inaugurazione» con il quale il consigliere federale Johann Schneider-Ammann, per conto della KPMG SA, ha dato il via alla trasmissione del conteggio dell'imposta alla fonte ai cantoni. La modifica di un'ordinanza e l'associazione swissdec rendono oggi possibile un'implementazione efficiente dell'imposta alla fonte, aiutando così le aziende a ridurre le lungaggini burocratiche.

Procedure di contabilità salariale certificate swissdec garantiscono da sei anni a questa parte la trasmissione, con un semplice clic del mouse, dei diversi dati salariali in tutta sicurezza e con un elevato standard di qualità, come prescritto dalle direttive federali. «Con lo standard salari CH (ELM) versione 4.0 le aziende possono risparmiare fino a 55 ore al mese, in quanto i dati salariali destinati all'AVS, alla Suva, ad altri istituti d'assicurazione contro gli infortuni, agli uffici delle imposte o all'Ufficio federale di statistica non devono più essere registrati singolarmente», afferma Ernst Stalder, direttore di swissdec. Adesso swissdec si spinge oltre presentando per la prima volta, nell'ambito del Forum swissdec 2013 di Berna, l'invio elettronico del conteggio dell'imposta alla fonte a 26 cantoni. Grazie alla modifica di un'ordinanza d'ora in poi i datori di lavoro potranno inoltrare ai cantoni il conteggio dell'imposta alla fonte per via elettronica (per il comunicato stampa relativo alla modifica dell'ordinanza: http://www.news.admin.ch(Il link viene aperto in una nuova finestra) ). Per l'ampliamento tecnico della procedura di notifica swissdec provvede ad assegnare ai programmi di contabilità salariale dei produttori di software un apposito certificato.

Tante prospettive, un solo obiettivo
Otto relatori hanno illustrato il tema del Forum «swissdec apre nuovi orizzonti» dal punto di vista economico, tecnico e del mercato. L'obiettivo più importante in assoluto: ridurre la burocrazia mediante innovative procedure di notifica dei salari al fine di rafforzare l’economia svizzera. «Vogliamo meno lungaggini burocratiche per le nostre aziende», afferma infatti Johann Schneider-Ammann, capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca. «L’alleggerimento dei carichi amministrativi che gravano sulle aziende è uno dei temi fondamentali della politica del Consiglio federale. In questo contesto swissdec assume il ruolo importantissimo di precursore», sottolinea Schneider-Ammann. Il lato pratico viene illustrato da Verena Wüthrich, Head Payroll della KPMG SA. L’enorme dispendio di mezzi ed energie che implica la dichiarazione dell’imposta alla fonte l’ha portata, ci spiega, a prendere parte attiva al progetto «Standard salari CH con imposta alla fonte: versione 4.0». «Grazie alla soluzione certificata swissdec i conteggi dell’imposta alla fonte raggiungono da oggi tutti i cantoni con la semplice pressione di un pulsante. In questo modo si risparmiano un’intera giornata lavorativa per trimestre e un raccoglitore federale pieno di documenti cartacei», afferma Wüthrich.

Insieme per rafforzare l’economia
Personale delle amministrazioni cantonali, produttori di programmi salariali, imprenditori e sviluppatori di swissdec costituiscono il team del progetto «Standard salari CH con imposta alla fonte: versione 4.0». Grazie alla filosofia di sviluppo swissdec e a tutte le persone coinvolte si è riusciti a unificare e fondere in una soluzione completa svariati processi della procedura di notifica dei salari. Le imprese che ricorrono alle innovazioni elettroniche nel campo della notifica dei salari danno un taglio alla burocrazia e rafforzano al contempo l’economia svizzera.

Foto della conferenza (dalle ore 17.00) su http://www.photopress.ch 

Informazioni per i giornalisti:
Ernst Stalder, direttore swissdec
Tel. 041 419 55 38, ernst.stalder@suva.ch 
Maggiori informazioni: http://www.swissdec.ch 


Dell’associazione swissdec fanno parte la Suva, l’Associazione svizzera d’assicurazioni, l’eAVS/AI, la Conferenza svizzera delle imposte e l’Ufficio federale di statistica. L’associazione, fondata nel 2007, è presieduta dal presidente della Direzione della Suva Ulrich Fricker. Oltre ad esercitare la presidenza, la Suva gestisce anche il centro operativo di swissdec.