Primo agosto: attenti ai botti

Fuochi d'artificio e articoli pirotecnici non possono di certo mancare quando si celebra il primo agosto. Purtroppo ogni anno si verificano numerosi infortuni dovuti all'impiego incauto degli articoli pirotecnici. Per evitare che la festa nazionale si concluda al pronto soccorso, si raccomanda di osservare i seguenti consigli:

  • usare solo articoli pirotecnici legali e lasciar assolutamente perdere i "botti fai da te"
  • conservare e preparare gli articoli pirotecnici in un luogo sicuro
  • leggere le istruzioni d'uso per tempo (quando c'è ancora luce) e seguire le raccomandazioni del produttore
  • utilizzare gli appositi dispositivi di lancio per i razzi
  • accendere gli articoli pirotecnici lontano dalla gente
  • tenersi a una distanza di sicurezza di almeno dieci metri
  • aspettare una decina di minuti prima di avvicinarsi al razzo in caso di mancato funzionamento e non provare mai a riaccenderlo.

In allegato troverà una intervista sul tema «precauzioni per l'uso di fuochi d'artificio» al dott. Beat Hohmann, esperto in acustica e capo del Settore fisica della Suva di Lucerna (potrà usare l'intero articolo o citarne solo una parte).

Se desidera chiarimenti o ha domande non esiti a contattarci.

Per maggiori informazioni: www.fedpol.admin.ch  

Informazioni per i giornalisti:

Serkan Isik, Comunicazione d'impresa,
Tel. 041 419 6514, serkan.isik@suva.ch 


Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2miliardi di franchi, la Suva assicura 120000 imprese, ossia 1,9milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.