La Suva ottiene il riconoscimento «Famiglia e lavoro»

Il 16 ottobre il Servizio UND ha assegnato alla Suva il certificato di qualità «Famiglia & lavoro» che attesta la compatibilità delle condizioni di lavoro e di impiego dell'azienda con la vita familiare e la parità di trattamento tra uomo e donna.

La Suva ha sottoposto al severo controllo del Servizio UND  (Il link viene aperto in una nuova finestra) la propria politica del personale, raggiungendo subito il punteggio necessario a ottenere il riconoscimento «Famiglia & lavoro» e aggiudicandosi così lo status di azienda best practice. Le aziende svizzere che hanno meritato l'attestato di qualità dell'UND sono in totale 25, di cui tre - Suva inclusa - nella Svizzera centrale. Il certificato ha una validità di tre anni e con una verifica può essere rinnovato per altri tre.

«La certificazione non va intesa come traguardo, ma serve piuttosto a fare un bilancio della situazione e a valutare a che punto siamo nella nostra ricerca costante di innovazione» spiega Ulrich Fricker, presidente della Direzione Suva in occasione dell'evento. «Questo certificato costituisce una base da cui partire per migliorare ulteriormente». La Suva sta lavorando sul fronte delle pari opportunità e a forme di lavoro flessibili che permettano non solo di conciliare lavoro e famiglia, ma tengano anche conto della vita privata dei lavoratori. In collaborazione con l'UND, la Suva ha messo a punto una serie di misure per continuare ad essere un datore di lavoro moderno e attento alle esigenze delle famiglie.

Informazioni per i giornalisti

Bernadette Thalmann, Comunicazione d'impresa,
Tel. 041 419 56 23, bernadette.thalmann@suva.ch 


Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 120 000 imprese, ossia 1,9 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.