Facebook: cliccare mi piace per regalare una serata di grande cinema

Gli utenti di facebook possono regalare un sorriso con la campagna online «Share if you Care» promossa dalla Suva. Più sono i «like» avuti dai video spot che raccontano l'infortunio subito da Sarah Hundert, più «preziosi» sono i regali per i pazienti delle cliniche di Bellikon e Sion.

Servono 15 000 «mi piace» su facebook per regalare una serata di grande cinema nelle cliniche di riabilitazione di Bellikon e Sion. In una sala allestita appositamente per loro, i pazienti possono tuffarsi in un mondo fantastico e dimenticare per qualche ora la loro difficile situazione. Ecco come funziona: oggi inizia la campagna online «Share if you Care». Più sono i «share» ed i «like» avuti dai video che raccontano la vicenda di Sarah Hundert, più «preziosi» sono i regali fatti ai pazienti delle due cliniche di riabilitazione: a 5000 «condividi» e «mi piace» ciascun paziente riceve una scatola di cioccolatini, a 10 000 una cornice digitale e a 15 000 la Suva organizza una serata di grande cinema in clinica.
In carrozzina dopo un infortunio sulla MTB
Sarah Hundert è la protagonista della campagna di reinserimento «Share if you Care». Sarah è solo una tra le 800 000 persone assicurate LAINF che si infortunano ogni anno. A 18 anni Sarah subisce un incidente con la mountain bike: sbatte violentemente la testa e riporta la frattura di alcune vertebre. Da allora è paraplegica. A raccontare la sua storia sono cinque persone a lei molto care. Nei cinque video viene narrato l'incidente, i mesi trascorsi da Sarah dopo l'infortunio e il suo reinserimento professionale e sociale con l'aiuto delle persone che le sono state vicine. Il messaggio della campagna è proprio questo: a tutti può capitare e tutti possono dare una mano.

Con la campagna «Share if you Care» la Suva mette in evidenza quanto sia importante per la vittima di un grave infortunio poter contare sulla solidarietà e l'aiuto degli altri.

I video su Sarah sono disponibili su www.facebook.com/suvasvizzera .
Informazioni per i giornalisti
Gabriela Hübscher, Comunicazione d'impresa,
Tel. 041 419 55 32 gabriela.huebscher@suva.ch 

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 120 000 imprese, ossia 1,9 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d'amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.