La protezione giusta dai raggi UV

La primavera è ormai arrivata: gli uccelli cinguettano e il sole invita a uscire all'aperto. Tuttavia, i suoi raggi nascondono anche pericolose insidie. Se non ci si protegge in modo adeguato, i raggi UV rischiano di danneggiare irreparabilmente la retina.

Per poter godere appieno anche in futuro delle magnifiche ore di sole che la bella stagione ci riserva, vale la pena di seguire questi semplici consigli:

  • Per proteggere efficacemente gli occhi dai raggi UV si raccomanda di indossare degli occhiali da sole di buona qualità.
  • Un'attenzione speciale va riservata ai bambini e ai ragazzi, poiché la loro retina è particolarmente sensibile. È quindi opportuno far loro indossare degli occhiali adatti e un cappellino con visiera.
  • Al mare e in montagna occorre usare particolare prudenza nell'esporsi al sole.
Al momento di acquistare degli occhiali da sole, bisogna fare attenzione ai seguenti aspetti:
  • Deve essere presente la dicitura «UV 400», perché le lenti devono proteggere dai raggi UV fino a una lunghezza d'onda di 400 nanometri.
  • In generale, le lenti marroni proteggono meglio di quelle blu. Non sono invece adatte le lenti chiare, come quelle arancioni, azzurre o verde chiaro.
  • Gli occhiali da sole devono arrivare fino alle sopracciglia e, lateralmente, almeno fino al bordo del viso. In acqua bisogna portare degli occhiali con alette di protezione laterali o stanghette larghe.

Da 20 anni gli occhiali da sole Suvasol sono sinonimo di protezione per gli occhi. Ulteriori informazioni sull'edizione speciale «Jubilé» e sull'intera gamma di occhiali da sole Suva sono presenti sul sito www.sapros.ch/suva/jubile-i .

Resto a disposizione in caso di chiarimenti. Non esiti a chiamarmi o inviarmi un'e-mail.

Informazioni per i giornalisti

Barbara Senn, comunicazione d'impresa,
tel. 041 419 54 76, barbara.senn@suva.ch 

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 3200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 120 000 imprese, ossia 1,9 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d'amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.