La Suva realizza una buona performance di investimento pari al 7,0 per cento

Nell'esercizio 2014 la Suva ha realizzato una buona performance di investimento pari al 7,0 per cento. A fine anno il grado di copertura finanziaria dell'azienda è nuovamente salito attestandosi al 134 per cento, un dato che conferma l'ottima solidità finanziaria della Suva e consente di coprire interamente tutti gli impegni a lungo termine.

Nel 2014 la Suva ha realizzato una performance di investimento decisamente superiore alla media degli ultimi dieci anni. La performance complessiva è stata del 7,0 per cento, un risultato di tutto rispetto cui hanno contribuito quasi tutte le classi di investimento, in particolare le azioni, le obbligazioni, gli immobili, gli hedge fund e il ramo private equity. A turbare il quadro positivo sono stati unicamente gli investimenti nei paesi emergenti, l'oro e le materie prime. La strategia di investimento della Suva si basa su un orizzonte di lungo termine nonché su un'ampia diversificazione. Circa la metà del patrimonio è investita in titoli a reddito fisso, un buon 20 per cento in azioni e la parte rimanente in immobili, oro e investimenti alternativi.

Grado di copertura finanziaria del 134 per cento

Nell'esercizio 2014 l'attivo fisso della Suva è salito da 44,0 a 46,2 miliardi di franchi. Questo importo è vincolato a uno scopo specifico, ossia coprire gli impegni finanziari imposti dalla legge che la Suva ha nei confronti dei propri assicurati, in particolare dei circa 100 000 beneficiari di rendita. Negli anni in cui ottiene una buona performance di investimento la Suva costituisce inoltre delle riserve di fluttuazione, una strategia che consente di assicurare il versamento delle rendite anche in caso di crollo dei mercati finanziari. Il grado di copertura finanziaria, ossia il rapporto tra il patrimonio e gli impegni di pagamento, è salito dal 128 per cento dell'anno precedente al 134 per cento di fine 2014.

Confronto con le casse pensioni

La strategia di investimento a lungo termine della Suva è paragonabile in particolare a quella delle casse pensioni. Nel confronto di lungo periodo a partire dal 1° gennaio 2000 la Suva ha fatto registrare una performance cumulata del 71,6 per cento. Per l'indice LPP 25 (2000/2005) la performance si è attestata al 69,4 per cento e per l'Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere a 52,2 per cento. La performance del 7,0 per cento realizzata dalla Suva nel 2014 si situa al di sotto dell'indice LPP 25 plus (9,6 per cento) e dell'indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere (7,7 per cento); il risultato inferiore è riconducibile da un lato alla maggiore esposizione verso i paesi emergenti, l'oro e le materie prime e dall'altro alla valutazione comparativamente più conservatrice di singole classi di investimento (immobili e prestiti).

Un investitore responsabile

Nei suoi investimenti la Suva tiene conto, oltre che delle valutazioni di ordine finanziario, anche degli aspetti ecologici, etici e sociali. La base normativa è costituita dalla legislazione svizzera e dai dieci principi dell'UN Global Compact. La Suva è firmataria dei Principi delle Nazioni Unite per l'investimento responsabile (UNPRI) e membro fondatore della piattaforma Swiss Sustainable Finance (SSF). Negli investimenti diretti la Suva esercita attivamente il proprio diritto di voto e da febbraio di quest'anno renderà noto il voto espresso sul proprio sito Internet.

Conseguenze della decisione della BNS

La decisione della Banca nazionale svizzera (BNS) di abolire dal 15 gennaio 2015 il tasso di cambio minimo tra franco ed euro, e la successiva reazione sui mercati valutari e azionari, hanno avuto un influsso negativo inferiore al 3 per cento sulla performance realizzata finora nel 2015. Questo grazie alle attuali coperture del rischio di cambio. Il grado di copertura rimane al di sopra del 131 per cento. Tuttavia, a seguito dei tassi negativi, le prospettive a medio e lungo termine per i redditi da capitale si sono ulteriormente ridotte.

La Suva presenterà i dettagli sull'esercizio 2014 in occasione della conferenza stampa di bilancio che avrà luogo a Lucerna il 12 giugno 2015.

Informazioni per i giornalisti

Takashi Sugimoto, comunicazione d'impresa,
Tel. 041 419 56 23, takashi.sugimoto@suva.ch 

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4000 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 121 000 imprese, ossia 1,95 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.