Lotta alla burocrazia: al via la «campagna Swissdec 2016+»

A Berna, circa 200 produttori di software e destinatari dei dati salariali si sono incontrati in occasione del Forum Swissdec, giunto alla nona edizione. L'Associazione Swissdec promuove la trasmissione elettronica dei dati salariali e per questo evento, che segna il debutto della «campagna Swissdec 2016+», ha scelto il motto «Focus sul digitale».

Alla nona edizione del Forum Swissdec, tenutosi a Berna il 1° giugno 2016, l'Associazione ha lanciato il suo progetto più importante dell'anno: la «campagna Swissdec 2016+», finalizzata a promuovere ulteriormente la diffusione dello «Standard salari CH». Circa 200 produttori di software e destinatari dei dati salariali hanno partecipato al Forum per raccogliere informazioni sulla nuova campagna. Durante l'evento hanno avuto modo di scambiare opinioni ed esperienze in merito all'attuale Standard salari CH (ELM), versione 4.0, e di ricevere input sulle sfide digitali che li attendono.

PMI «nel mirino»

La nuova «campagna Swissdec 2016+» è rivolta in modo specifico alle PMI. Spesso le imprese fino a dieci dipendenti non hanno un proprio software di contabilità, e per loro la trasmissione dei dati salariali alle autorità e agli assicuratori infortuni comporta un onere piuttosto elevato. «Oggi queste aziende sono molto aperte alle soluzioni digitali» dichiara Ernst Stalder, direttore Swissdec. Da qui parte la campagna. Swissdec vuole convincere le PMI a passare alla notifica elettronica dei salari (ELM) illustrandone i vantaggi. Le imprese svizzere che hanno scelto di utilizzare un programma di contabilità salariale certificato Swissdec risparmiano già diverse centinaia di milioni di franchi ogni anno. «La nuova campagna Swissdec 2016+ intende informare le PMI in modo chiaro e mirato riguardo a questi vantaggi». L'iniziativa è nata per favorire una comunicazione più uniforme tra i vari stakeholder. L'Associazione, infatti, ha un'organizzazione molto articolata e deve confrontarsi con gruppi di interesse complessi.

Crescita elevata

I software certificati Swissdec garantiscono una trasmissione efficace, sicura e affidabile dei dati salariali ai diversi destinatari quali ad esempio amministrazioni fiscali, assicuratori infortuni e casse di compensazione. La nuova versione certificata 4.0 integra anche l'imposta alla fonte. Le cifre di Swissdec mostrano che sempre più aziende scelgono di passare alla trasmissione digitale. Se nel primo semestre del 2014 le aziende che hanno trasmesso l'imposta alla fonte con un software certificato Swissdec erano 5400, nel 2015 erano già 15 000. Dal 1° aprile 2015 a fine marzo 2016 sono state effettuate ben 85 000 notifiche. Un anno prima, nello stesso periodo, il numero complessivo era pari a 65 000.

Ampia adesione

Swissdec è un'associazione senza scopo di lucro e al tempo stesso uno standard di qualità per i software di contabilità salariale. Tra i suoi membri si annoverano l'Ufficio federale di statistica, l'eAVS/AI, l'Associazione Svizzera d'Assicurazioni (ASA) e la Conferenza svizzera delle imposte. Vi fa parte anche l'Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Suva, che ne dirige il Centro operativo.

Informazioni per i giornalisti:

Ernst Stalder, direttore swissdec
Tel. 041 419 55 38, ernst.stalder@suva.ch 
Maggiori informazioni: www.swissdec.ch  

Swissdec promuove una contabilità salariale efficiente. Con l'obiettivo di semplificare al massimo la trasmissione sicura dei dati salariali, l'associazione non profit supporta i produttori di software e ne certifica i sistemi.

Fanno parte di Swissdec la Suva, l'Associazione svizzera d'assicurazioni (ASA), l'Ufficio federale di statistica (UST), eAVS/AI e la Conferenza fiscale svizzera. A Swissdec è stato attribuito il sigillo di qualità per la tutela dei dati GoodPriv@cy® dell'Associazione Svizzera per i Sistemi di Qualità e di Management (SQS) come marchio di qualità per le contabilità salariali.