Più infortuni durante le giornate di sole

Le attività svolte nel tempo libero variano a seconda delle condizioni meteo, con notevoli ripercussioni sull'andamento infortunistico. Durante le giornate di sole, anche quelle autunnali, gli infortuni sono infatti più frequenti.

Temperature in calo, foglie secche a terra, vento forte: sono tutti elementi che possono condizionare l'andamento infortunistico. Nel quadro degli articoli dedicati agli «infortuni in cifre» la Suva ha indagato più da vicino quali condizioni meteo incidono maggiormente sul numero degli infortuni. A questo scopo, il maggior assicuratore infortuni della Svizzera ha correlato i dati infortunistici LAINF con i dati meteo dell'Ufficio federale di meteorologia e climatologia MeteoSvizzera . «L'incidenza del meteo sull'andamento infortunistico dipende in primo luogo dalla durata e dal numero di persone esposte al rischio e non tanto dai fattori e dalle condizioni di rischio in sé, ad esempio ghiaccio sulle strade» afferma Peter Andermatt, esperto in statistica alla Suva.

Più infortuni nel tempo libero quando fa bel tempo

Per ottenere dati significativi in merito alla incidenza del meteo, si è fatto ricorso alla distinzione tra «giorni chiari» e «giorni scuri» secondo la terminologia di MeteoSvizzera. I giorni chiari hanno un soleggiamento dell'80 per cento e più, mentre nei giorni scuri il soleggiamento è inferiore al 20%. Si osserva così che durante i giorni feriali con cielo sereno vi è un 25 per cento di infortuni extralavorativi in più rispetto ai giorni feriali con cielo nuvoloso. Durante i fine settimana la differenza è pari al 40 per cento. L'incidenza del tempo si evince chiaramente dai dati riferiti allo scorso anno: l'estate 2015 è stata più soleggiata rispetto all'estate 2014 e la Suva ha registrato un aumento degli infortuni nel tempo libero pari al sette per cento da giugno ad agosto.

Raddoppiati gli infortuni in bici e moto

Le attività nel tempo libero - per es. andare in bici o in moto - vengono svolte di preferenza a temperature gradevoli e nelle giornate di sole. Pertanto si osserva un aumento o una riduzione stagionale di queste attività e del relativo andamento infortunistico tra aprile e ottobre. Durante le giornate di cielo sereno il numero degli incidenti in bici e moto raddoppia praticamente rispetto alle giornate nuvolose. Per gli incidenti in auto, invece, non si registrano variazioni significative.

Gli infortuni professionali non dipendono dal meteo

Il tempo incide solo in misura minima sull'andamento degli infortuni professionali. Questo non sorprende se una professione viene esercitata all'interno di edifici. Ma anche nell'edilizia, in cui si contano circa 28 000 infortuni professionali l'anno, non si riscontrano differenze dovute al meteo.

Ogni anno si infortunano sul lavoro all'incirca 267 000 persone assicurate LAINF. Nel tempo libero, gli infortuni salgono a ben 527 000.

Informazioni per i giornalisti
Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4200 collaboratori nella sede principale d Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 127 000 imprese, ossia 1,98 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio d’amministrazione sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.