Gli incidenti stradali costano 710 milioni di franchi

Nel 2017 le persone che esercitano un'attività lucrativa in Svizzera hanno notificato oltre 830 000 infortuni, di cui due terzi sono occorsi nel tempo libero e oltre 50 000 sulle strade. Oltre a molte sofferenze, gli infortuni causano anche costi elevati. A risultare onerose sul fronte degli incidenti stradali sono soprattutto le fratture: se un incidente della circolazione provoca una frattura, i costi sono tre volte più elevati.

Nel 2017 il Servizio centrale delle statistiche dell'assicurazione contro gli infortuni (SSAINF) ha registrato oltre 830 000 infortuni da parte di persone assicurate d'obbligo, cifra che evidenzia un incremento di un buon 2 per cento rispetto all'anno precedente. Lo scorso anno gli assicuratori infortuni hanno rimborsato prestazioni per 4,86 miliardi di franchi.

Il SSAINF registra unicamente gli infortuni subiti dai lavoratori occupati in Svizzera e dai disoccupati. Nel 2017 si sono verificati circa 270 000 infortuni sul lavoro (+ 1,1 per cento) e 545 000 nel tempo libero (+ 3 per cento). L'incremento degli infortuni professionali è ascrivibile all'aumento del numero dei lavoratori – in particolare nel settore dei servizi – mentre l'incremento degli infortuni nel tempo libero è in parte attribuibile al bel tempo.

Statistica degli infortuni secondo la LAINF (salariati e persone in cerca di impiego)

2017

2016

Variazione

Infortuni professionali

268 837

265 932

+1,1%

Infortuni nel tempo libero

546 289

530 592

+3,0%

Infortuni di persone in cerca di impiego

17 663

17 654

+0,1%

Totale

832 789

814 178

+2,3%

F(r)atture salate

Nell'ultimo decennio il numero annuo degli incidenti stradali (54 000) è rimasto stabile, questo nonostante il totale dei veicoli immatricolati nello stesso periodo sia salito del 15 per cento. Negli ultimi cinque anni gli incidenti stradali che hanno riguardato i lavoratori assicurati d'obbligo sono costati nella media annua circa 710 milioni di franchi. La principale voce di costo è costituita dalle fratture, che hanno provocato il 40 per cento circa delle spese dovute agli incidenti stradali sebbene solo il 16 per cento degli infortunati abbia subito una frattura. Infatti, se un incidente stradale causa una frattura, i costi infortunistici sono mediamente di 22 600 franchi, ossia tre volte di più rispetto ad un incidente senza fratture. Se si considerano soltanto le indennità giornaliere, i costi sono persino quattro volte più elevati. Le indennità giornaliere sono versate dall'assicuratore in sostituzione dello stipendio, in quanto l'infortunato non è in grado di lavorare.

Il gesso prolunga l'incapacità al lavoro

Questo effetto si manifesta maggiormente nei settori che comportano attività impegnative dal profilo fisico, come l'edilizia o la selvicoltura. Questi settori, che presentano anche un rischio di infortunio più elevato, sono assicurati alla Suva. L'attuale statistica estesa a tutti gli assicuratori infortuni mostra che un incidente stradale con frattura subito da una persona assicurata alla Suva provoca il 50 per cento in più di costi per indennità giornaliere rispetto a chi è assicurato presso un altro assicuratore infortuni. Il motivo: le persone assicurate alla Suva spesso possono riprendere il lavoro solo quando sono abili al lavoro al 100 per cento. «Chi lavora in ufficio può farlo anche con il gesso e le stampelle» afferma Alois Fässler, statistico alla Suva. Su un cantiere o nella selvicoltura ciò non è possibile. In media, il periodo di incapacità al lavoro di un assicurato alla Suva che ha subito un incidente stradale con frattura è di 23 giorni più lungo rispetto agli altri assicurati.

Le statistiche e le loro differenze

Nell'attuale edizione della statistica degli infortuni secondo la LAINF   , il SSAINF dedica un intero capitolo    agli incidenti stradali. Accanto a cifre e analisi aggiornate sull'andamento infortunistico in base alla statistica LAINF, esso presenta una panoramica delle statistiche svizzere degli incidenti della circolazione e mostra le differenze.

Andamento infortunistico nei cantoni

Al sito web www.unfallstatistik.ch/f/regional   del SSAINF è riportato un profilo dell'andamento infortunistico per ogni cantone. A seconda dei rami economici, delle dimensioni o della situazione geografica di un cantone sussistono grandi differenze regionali. Il luogo di residenza incide soprattutto sulle attività svolte nel tempo libero e pertanto anche sull'occorrenza degli infortuni.

Ordinazione della nuova statistica degli infortuni

Il Servizio centrale delle statistiche dell’assicurazione contro gli infortuni (SSAINF), gestito dalla Suva, pubblica ogni anno la statistica sugli infortuni secondo la LAINF per conto del Gruppo di coordinamento delle statistiche dell’assicurazione contro gli infortuni LAINF (CSAINF). La statistica sintetizza i risultati di tutti gli attuali 29 assicuratori LAINF che tutelano i lavoratori dipendenti contro gli infortuni sul lavoro e nel tempo libero nonché contro le malattie professionali. La statistica comprende inoltre i risultati dell'assicurazione infortuni obbligatoria per i disoccupati, la cui gestione è affidata alla Suva. La statistica LAINF registra solo gli infortuni di persone che risiedono permanentemente in Svizzera e che esercitano un'attività lucrativa, escludendo quelli subiti da bambini, studenti, persone senza attività lucrativa e pensionati. Rileva quindi essenzialmente gli infortuni occorsi ai lavoratori e agli apprendisti di età compresa tra i 15 e i 64 anni, che rappresentano una buona metà della popolazione residente.

L'edizione 2018 (in francese e tedesco) è disponibile su carta e online. Gli esemplari cartacei possono essere ordinati gratuitamente presso il SSAINF: unfallstatistik@suva.ch. Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.unfallstatistik.ch  .

  • Regina Pinna-Marfurt

    Regina Pinna-Marfurt

    Portavoce e addetta stampa

  • Diretto: +41 79 776 13 38

  • Salva vCard