Gli assicuratori infortuni europei si incontrano a Lucerna

La Suva, la più grande assicurazione contro gli infortuni della Svizzera, ha invitato gli assicuratori infortuni europei a incontrarsi a Lucerna per la conferenza annuale del Forum Europeo. Al centro dei lavori c'erano l'importanza della digitalizzazione per la società e le sue ripercussioni per l'assicurazione contro gli infortuni.

In questi giorni si è svolto a Lucerna un incontro degli assicuratori contro gli infortuni professionali dei Paesi europei. Lo «European Forum of insurance against accident at work and occupational diseases» è stato istituito nel 1992 allo scopo di favorire lo scambio di esperienze e informazioni tra le organizzazioni dei Paesi membri, le quali si trovano spesso ad affrontare gli stessi problemi in materia di assicurazione contro infortuni e malattie professionali, prevenzione e riabilitazione medica. «Sono particolarmente lieto del fatto che la Suva abbia accolto le organizzazioni degli assicuratori infortuni per il Forum Europeo in concomitanza del centenario dell'azienda» ha dichiarato Daniel Roscher, membro della Direzione Suva e presidente del forum di quest'anno. La Suva ha invitato i Paesi partecipanti a incontrarsi a Lucerna per confrontarsi sul tema «Accident Insurance 4.0 – The Impact of Digitalisation».

La digitalizzazione sta cambiando il settore dell'assicurazione infortuni

La digitalizzazione sta cambiando il mondo del lavoro, la realtà degli assicuratori e del settore assicurativo nel complesso. Sono sorti nuovi rischi di infortunio e l'assicurazione sociale deve affrontare questioni (opportunità e rischi) sconosciute in passato. Nei loro interventi i relatori principali hanno trattato queste e altre tematiche attinenti al futuro. Il ricercatore di tendenze e direttore del Gottlieb Duttweiler Institute di studi economici e sociali, il dott. David Bosshart, ha posto al centro della sua presentazione introduttiva alcune riflessioni sugli effetti della digitalizzazione sulle persone. Data l'evoluzione del mondo del lavoro, emergono nuove questioni non soltanto nell'ambito della prevenzione degli infortuni e del reinserimento dopo un infortunio professionale, ma anche per quanto riguarda i processi amministrativi delle assicurazioni.

 

L'importanza della digitalizzazione per l'assicurazione infortuni e le sue ripercussioni sugli assicuratori sono state oggetto dell'intervento della dott.ssa Edlyn Höller, responsabile della divisione Assicurazione e Servizi della DGUV, l'assicurazione tedesca contro gli infortuni. Il fatto che l'intelligenza artificiale possa diventare una sfida e che quindi debba essere messa al servizio della società, è stato sottolineato e auspicato dal prof. Klaus Mainzer, filosofo e teorico della scienza. Al di fuori di questi interventi, i rappresentanti dei Paesi partecipanti hanno potuto scambiarsi opinioni e imparare gli uni dagli altri nei workshop in materia di «big data nella gestione dei casi», «digitalizzazione e riabilitazione medica», «digitalizzazione e prevenzione» oppure «work 4.0». L'anno prossimo il Paese ospitante sarà la Lituania.

Maggiori informazioni:

https://www.europeanforum.org 

European Forum Conference 2018  

 
  • Serkan Isik

    Serkan Isik

    Portavoce e addetto stampa (tedesco)

  • Diretto: +41 41 419 65 14

  • Salva vCard
Daniel Roscher am GesprächspultUnfallversicherer Europas treffen sich in Luzern

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,2 miliardi di franchi, la Suva assicura 129 000 imprese, ossia 2,0 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicura-zione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.