Header_Medienmitteilung_161018_i_1260x276px.jpg

La sicurezza sul lavoro vale anche per i disoccupati

La Segreteria di Stato dell'economia (SECO), l'Associazione degli uffici svizzeri del lavoro (AUSL) e Inserimento Svizzera, l'associazione nazionale mantello per l’integrazione sociale e professionale, hanno sottoscritto congiuntamente la Charta della sicurezza della Suva. L'obiettivo consiste nel ridurre il numero degli infortuni tra i destinatari di provvedimenti inerenti al mercato del lavoro.

Dalla costituzione della Suva a oggi, gli infortuni professionali sono in costante calo. Ciò nonostante, sono ancora 250 000 circa le persone che ogni anno subiscono un infortunio sul lavoro. Tra queste anche coloro che beneficiano di provvedimenti inerenti al mercato del lavoro  , ossia di misure volte a promuovere il reinserimento rapido e duraturo dei disoccupati nel mercato del lavoro. Che si tratti di un'occupazione temporanea, di uno stage professionale o di un semestre di motivazione, la sicurezza sul lavoro e la tutela della salute devono sempre e comunque restare in cima alle priorità.

 

STOP in caso di pericolo

La SECO, l'AUSL e Inserimento Svizzera hanno ribadito questa intenzione sottoscrivendo la Charta della sicurezza della Suva, il cui messaggio cardine è di dire STOP in caso di pericolo e di riprendere i lavori solo dopo aver ripristinato la sicurezza. I destinatari di questa iniziativa solo soprattutto i beneficiari di provvedimenti inerenti al mercato del lavoro. «Siamo consapevoli che per evitare gli infortuni non basta firmare un documento. Il nostro compito è spingere i Cantoni e gli organizzatori di provvedimenti inerenti al mercato del lavoro a far vivere lo spirito della Charta nelle attività quotidiane» afferma Oliver Schärli, capo del settore Mercato del lavoro/Assicurazione contro la disoccupazione, Direzione del lavoro presso la SECO. È dello stesso parere anche Louis Schelbert, presidente Inserimento Svizzera, il quale è convinto che attuare la Charta della sicurezza significa prevenire infortuni e sofferenze inutili. Bruno Sauter, presidente AUSL, sottolinea la necessità di avere il sostegno dei Cantoni: «I Cantoni sono responsabili del conferimento degli incarichi e verificano la qualità dell'attuazione dei provvedimenti inerenti al mercato del lavoro. Pertanto, sono automaticamente obbligati a impegnarsi per la prevenzione degli infortuni».

 

Le regole salvavita

L'adesione alla Charta equivale a una dichiarazione programmatica di tutti i firmatari con la quale ci si impegna a rispettare e a imporre in modo sistematico le regole vitali della Suva o le proprie regole di sicurezza. Come mostrano le nostre analisi, le regole vitali possono salvare vite umane. In oltre il 60% degli infortuni mortali sul lavoro una di queste regole viene violata. «Se tutti i beneficiari di provvedimenti inerenti al mercato del lavoro si attengono coerentemente alle regole vitali, insieme saremo in grado di ridurre ulteriormente il numero degli infortuni» afferma Felix Weber, presidente della Direzione della Suva.

 

Un clic per aderire

Grazie a una carta geografica interattiva sul sito www.charta-sicurezza.ch   è possibile vedere quali associazioni e aziende hanno già sottoscritto la Charta. Chi non ha ancora aderito, può iscriversi gratuitamente sul sito e in questo modo dare il proprio contributo a una maggiore sicurezza sul lavoro, come hanno già fatto oltre 9 000 membri.

  • Serkan Isik

    Serkan Isik

    Portavoce e addetto stampa (tedesco)

  • Diretto: +41 41 419 65 14

  • Salva vCard
Unterzeichnung der Sicherheits Charta. Von Links nach rechts: Oliver Schärli, Leiter des Bereichs Arbeitsmarkt/Arbeitslosenversicherung in der Direktion für Arbeit beim SECO, Louis Schelbert, Präsident nationaler Dachverband der sozialen und beruflichen Arbeitsintegration Schweiz AIS,Bruno Sauter, Präsident Verband Schweizerischer Arbeitsmarktbehörden VSAA, Felix Werber, Vorsitzender der Geschäftsleitung der Suva

Da sinistra a destra:

 

Oliver Schärli, capo del settore Mercato del lavoro/Assicurazione contro la disoccupazione, Direzione del lavoro presso la SECO

Louis Schelbert, presidente Inserimento Svizzera

Bruno Sauter, presidente Associazione degli uffici svizzeri del lavoro AUSL

Felix Weber, presidente della Direzione della Suva