I 10 oggetti più pericolosi in casa e in giardino

Si fa presto a farsi male: basta un taglio, una puntura o un passo falso. In Svizzera si verificano ogni anno circa 160 000 infortuni in casa e in giardino, causando costi medi pari a 682 milioni di franchi l'anno. Gli ultimi dati statistici della Suva rivelano gli oggetti più pericolosi all'origine di questi infortuni.

Al primo posto le scale: trappole micidiali

Nelle rilevazioni statistiche, i componenti edili come le scale sono classificati come oggetti. In vetta alla top 10 troviamo infatti le scale, che causano circa 29 000 infortuni l'anno, quindi più o meno il 20 per cento di tutti gli infortuni in casa e in giardino. Al secondo posto si colloca la mobilia: letti, vasche da bagno, tappeti e sedie provocano infatti 22 000 infortuni. Seguono in terza posizione gli infortuni senza oggetti coinvolti, per un totale di circa 13 800 casi all'anno. Si tratta perlopiù di infortuni dovuti a scivolamento, inciampo o caduta.

Con i cocci non si scherza

La statistica degli infortuni parla chiaro: meglio stare alla larga dai cocci, che rientrano nella categoria «altri oggetti» e rappresentano la quarta causa di infortunio più frequente in casa e in giardino. Circa la metà delle 13 300 ferite da taglio riportate ogni anno è infatti dovuta a stoviglie rotte o cocci di vetro e porcellana.

Appassionati di bricolage e cucina, attenzione!

Al quinto posto nella top 10 degli oggetti più pericolosi troviamo utensili e attrezzi come coltelli e taglierini. Questi strumenti, appuntiti e affilati, provocano 12 600 infortuni all'anno. Dichiarazione di un'infortunata: «Stavo tagliando un'arancia con un coltello da cucina e mi sono distratta, per cui mi sono tagliata la punta del pollice».

Pericolo animali

Anche gli animali sono spesso causa di infortuni. Nella statistica vengono classificati anch'essi come oggetti e si piazzano al sesto posto nella top 10. I più pericolosi sono gli insetti, che provocano la metà dei circa 11 000 infortuni dovuti ad animali, seguiti da gatti e cani. Spesso le persone inciampano nei propri animali domestici e si feriscono cadendo.

Maggiori informazioni e la classifica completa sono disponibili nel grafico riportato qui   .

  • Regina Pinna-Marfurt
    Regina Pinna-Marfurt
    Portavoce e addetta stampa
  • Cellulare: +41 79 776 13 38

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,3 miliardi di franchi, la Suva assicura 129 000 imprese, ossia 2,0 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicura-zione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.