La neve e il ghiaccio aumentano il rischio di inciampare e cadere

Comunicato stampa Suva,

Nei giorni in cui le strade sono ricoperte di neve e ghiaccio gli assicuratori contro gli infortuni registrano fino a 2000 cadute, un valore ben quattro volte superiore rispetto agli altri giorni. Le cadute provocate da ghiaccio, pioggia e neve si verificano soprattutto il mattino presto tra le sei e le otto. Per ridurre il rischio di farsi male può bastare una buona dose di prudenza.

Da giorni le temperature sono vicine allo zero e la neve rimane sui marciapiedi e sentieri. In questo romantico scenario invernale cresce il pericolo che i pedoni si facciano male. Con la neve e il ghiaccio aumentano infatti le cadute, e arrivare sani al lavoro può rivelarsi un'impresa.

Pericolo più elevato al mattino presto

In caso di neve e il ghiaccio, tra le 06:00 e le 08:00 del mattino si registra più del doppio delle cadute rispetto al solito. «Nelle prime ore del mattino si verificano più infortuni dovuti a ghiaccio e neve, probabilmente perché fa più freddo che non di sera. In più, le strade non sono state ancora del tutto sgomberate e il buio riduce la visuale» spiega Peter Andermatt, statistico della Suva.

Uscire prima per arrivare a destinazione in sicurezza

Anche lo stress e la mancanza di tempo giocano un ruolo importante: camminando di fretta su strade ricoperte di ghiaccio o neve, aumenta ovviamente il rischio di scivolare e cadere. Chi si prende il tempo necessario e si prepara adeguatamente corre meno rischi e arriva a destinazione in sicurezza.
«Se si esce da casa di fretta per saltare sul bus camminando su marciapiedi e strade scivolosi, il rischio di cadere aumenta. Con le strade ricoperte di ghiaccio o neve è quindi necessario prestare più attenzione» ricorda Raphael Ammann, esperto in prevenzione alla Suva. Le scarpe provviste di una buona suola profilata garantiscono una migliore aderenza al terreno in presenza di ghiaccio o neve, e danno più sicurezza. A seconda dell'intensità delle precipitazioni e della quantità di ghiaccio a terra, può anche essere utile usare dei ramponcini da applicare alle scarpe. Inoltre, se si indossano indumenti riflettenti è più facile essere individuati al buio.

Verificare le condizioni meteo

Come ulteriore precauzione, prima di uscire di casa è utile verificare sempre le condizioni meteo. Con l'app di MeteoSvizzera  , ad esempio, è possibile ricevere in tempo reale le allerte maltempo nella propria regione. «Il fatto di raggiungere sani e salvi il proprio luogo di lavoro non deve dipendere dal fattore meteo» ribadisce Ammann.

Come si faccia in fretta a scivolare e a farsi male lo potete constatare nel film  !

I consigli della Suva per evitare le cadute in piano

  • Ascoltare le previsioni del tempo, ad esempio con l'app di MeteoSvizzera , alla radio o su Internet.

  • Indossare scarpe che calzano perfettamente e munite di suola profilata antiscivolo.

  • Le scale ghiacciate sono particolarmente insidiose e possono essere causa di un infortunio. Tenersi sempre al corrimano.

  • Se ci si sposta a piedi, meglio uscire di casa un po' prima e prestare la massima attenzione.

  • Camminare preferibilmente sui tratti già sgomberati da neve e ghiaccio.

  • Usare i ramponcini antiscivolo quando si cammina su ghiaccio o neve.

Maggiori informazioni su questo argomento all'indirizzo www.suva.ch/inciampare  


  • Regina Pinna-Marfurt
    Regina Pinna-Marfurt
    Portavoce e addetta stampa
  • Cellulare: +41 79 776 13 38

La neve e il ghiaccio aumentano il rischio di inciampare e cadere

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,4 miliardi di franchi, la Suva assicura 130 000 imprese, ossia 2,0 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicura-zione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.