Ciclisti: quando sicurezza fa rima con comportamento

Comunicato stampa Suva,

Andare in bici è un'attività molto popolare: secondo lo studio Sport Svizzera 2020, il 42 per cento della popolazione usa questo mezzo di locomozione e la tendenza è in aumento. Con il crescente numero di ciclisti aumenta anche la probabilità che accadano degli infortuni, e infatti ogni anno sulle strade svizzere si registrano mediamente 21 000 incidenti in cui è coinvolta una bici. Molti di essi possono essere evitati mettendo in pratica alcune importanti misure. La Suva ha in serbo alcuni consigli.

La primavera è arrivata e molti ritrovano il piacere di rimontare in sella a una bicicletta. Senza ombra di dubbio chi va in bici ottiene un beneficio per se stesso, poiché il movimento all'aria aperta è sano. Tuttavia, sia per le e-bike che per le bici tradizionali vale una norma fondamentale: per arrivare alla meta senza infortuni bisogna prestare la massima attenzione, essere ben visibili e fare chiari segni con la mano.

Evitare distrazione e disattenzione

Le due cause più frequenti degli incidenti stradali, a volte con esito letale, sono la distrazione e la disattenzione. In questo contesto anche l'udito assume un ruolo fondamentale: «Un ciclista che ascolta musica avverte la presenza di un'automobile proveniente da dietro a 50 chilometri orari solo quando gli arriva a tre metri. Un ciclista senza cuffie sente la stessa automobile già a 16 metri di distanza e ha quindi molto più tempo per reagire» spiega Raphael Ammann, esperto di bici alla Suva.

Ridurre la velocità e aumentare la prontezza di frenata

I vari utenti della strada viaggiano a una velocità diversa. La dinamica che ne deriva richiede un'attenzione e una prontezza di frenata accresciute. «Non si è mai sicuri di cosa farà l'altro utente fra un attimo. È quindi importante rimanere concentrati e crearsi uno spazio di reazione possibilmente ampio per frenare, fermarsi o evitare una possibile collisione» prosegue Ammann.

Svoltare a sinistra è la manovra più pericolosa

Svoltare a sinistra è una delle manovre più frequenti e nel contempo anche più pericolose, poiché richiede una buona tecnica di guida. Guidare concentrati e fare segni inequivocabili con la mano sono quindi due aspetti molto importanti, poiché permettono di aumentare notevolmente la sicurezza dei ciclisti. «Dando uno sguardo all'indietro, facendo un chiaro segno con la mano e immettendosi correttamente nella corsia il ciclista mostra con chiarezza dove vuole andare. Queste tre azioni incrementano in misura significativa la sicurezza dei ciclisti durante le svolte a sinistra» conferma Ammann. Dare segnali chiari favorisce la sicurezza di tutti i conducenti di ogni mezzo di trasporto.

I tre brevi filmati mostrano come sia possibile migliorare la sicurezza dei ciclisti:

Per maggiori informazioni sul tema della sicurezza in bici: www.suva.ch/bici  

  • Regina Pinna-Marfurt
    Regina Pinna-Marfurt
    Portavoce e addetta stampa
  • Diretto: +41 91 820 20 61

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4200 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,3 miliardi di franchi, la Suva assicura 129 000 imprese, ossia 2,0 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicura-zione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e ridistribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.