Performance di investimento del 7,5 per cento per la Suva nel 2021

Comunicato stampa Suva,

L’anno scorso la Suva ha conseguito una performance di investimento pari al 7,5 per cento, alla quale hanno contribuito soprattutto gli investimenti in azioni e private equity, nonché le allocazioni in immobili e fondi immobiliari. Gli impegni finanziari previsti dalla legge sono interamente coperti.

Andamento durante l’esercizio 2021

Durante l’esercizio 2021 l’andamento degli investimenti è stato determinato soprattutto da un anno borsistico eccezionale. La Suva ha ottenuto una performance complessiva del 7,5 per cento, contro il 5,2 per cento in media negli ultimi dieci anni. Grazie al contesto borsistico favorevole, gli investimenti in azioni e in private equity hanno dato il contributo principale alla performance di investimento. Anche gli investimenti immobiliari diretti e quelli in fondi immobiliari hanno contribuito in misura sostanziale a questo ottimo risultato. Le obbligazioni e gli investimenti creditizi vi hanno invece concorso solo in minima parte. In quest’ambito il quadro è eterogeneo, poiché il lieve aumento dei tassi di interesse, ha comportato rendimenti negativi per le obbligazioni liquide, incentivando però la concessione di prestiti privati. Gli investimenti sul mercato monetario hanno invece continuato a essere penalizzati dai tassi negativi.

Strategia di investimento a lungo termine della Suva

La Suva è finanziariamente autonoma e la sua strategia di investimento è definita in modo da raggiungere gli obiettivi finanziari previsti dalla legge. Grazie al gettito dei premi garantito, la Suva persegue una strategia a lungo termine e può allocare una quota considerevole del suo patrimonio in azioni, immobili e investimenti alternativi. Oltre agli aspetti finanziari, la Suva investe tenendo in considerazione anche criteri ecologici, etici e sociali. La strategia di investimento adottata è paragonabile in particolare a quella delle casse pensioni. Per quanto riguarda gli investimenti, il 2021 ha fatto registrare un risultato lievemente inferiore all’indice Credit Suisse delle casse pensioni e superiore all’indice Pictet LPP 25. Sul lungo termine, la performance supera quella di entrambi gli indici:

Suva

Indice Pictet LPP 25

Indice CS casse pensioni

Performance 2021

7,5 %

4,4 %

8,3 %

Performance cumulata dall’1.1.2000

135,1 %

114,2 %

109,8 %

Nel 2021 l’attivo fisso della Suva è aumentato di 3,9 miliardi di franchi, passando da 55,7 a 59,5 miliardi. Questi mezzi sono vincolati a uno scopo preciso e coprono, da un lato, gli accantonamenti previsti dalla legge per le rendite in corso, le future spese di cura e indennità giornaliere, nonché per altre prestazioni assicurative a norma di legge derivanti da infortuni e malattie professionali. Per far fronte ai rischi attuariali e di investimento la Suva deve inoltre costituire riserve adeguate. Qualora le riserve superino il tetto massimo previsto, le eccedenze vengono restituite agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi.

Decisione sull’utilizzo del risultato del periodo prevista per il 10 giugno 2022

Venerdì 10 giugno 2022 il Consiglio della Suva prenderà una decisione in merito all’utilizzo del risultato del periodo e alle tariffe dei premi per il 2023. Queste ultime verranno presentate, insieme a informazioni dettagliate sull’esercizio 2021, in occasione della conferenza stampa di bilancio che si terrà lo stesso giorno a Lucerna.

  • Arabelle Frey
    Arabelle Frey
    Mediensprecherin Finanzen und Strategie
  • Diretto: +41 41 419 68 88

Operante dal 1918, oggi la Suva occupa 4370 collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 agenzie sul territorio nazionale e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico con un volume premi di 4,3 miliardi di franchi, la Suva assicura 130 000 imprese, ossia 2,0 milioni di lavoratori, contro le ripercussioni degli infortuni e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Dal 2005 gestisce anche l'assicurazione militare su mandato del Consiglio federale. Le prestazioni comprendono assicurazione, prevenzione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e rimborsa gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.