Evitati pagamenti ingiustificati per milioni di franchi

Regula Müller,

Nel 2017 la Suva ha rinunciato all'impiego degli investigatori per smascherare le frodi assicurative. Questa rinuncia ha avuto ripercussioni sul piano finanziario. Per questo motivo è importante che il Parlamento approvi le basi legali per il ricorso agli investigatori.

Nel 2016 la Corte europea dei diritti dell'uomo ha stabilito che in Svizzera manca una base legale per ricorrere agli investigatori con lo scopo di individuare le frodi assicurative. La Suva ha così rinunciato al loro impiego come ultimo mezzo disponibile. Questa decisione ha avuto conseguenze finanziarie: sebbene nel 2017 i casi sospetti siano aumentati, l'importo risparmiato nell'ambito della riscossione indebita di prestazioni è stato di «soli» 12,5 milioni di franchi. Il dato evidenzia una flessione del 30 per cento rispetto all'anno precedente.

Mancanza di prove

Roger Bolt, responsabile del team anti-frode alla Suva, ha questa spiegazione: «I 5,5 milioni di franchi in meno corrispondono al totale che abbiamo risparmiato negli anni precedenti mediante le osservazioni». In alcuni casi, gli specialisti incaricati di individuare gli abusi non avevano il materiale per provare la colpevolezza dei presunti truffatori e chiarire i fatti in via definitiva. «In tutti i casi in cui nel 2016 avevamo impiegato un investigatore, il nostro sospetto ha trovato conferma» precisa Bolt. Ritiene quindi importante che il Parlamento approvi le basi legali per il ricorso agli investigatori. E questo in un articolo di legge equo e trasparente  . Di questo articolo si sta occupando il Parlamento.

Le frodi assicurative in cifre

I casi di sospetta frode esaminati dalla Suva nel 2017 sono stati 1271 (+322) a fronte dei 220 000 casi in cui ha versato un'indennità giornaliera. 918 di questi casi sono stati chiusi entro la fine del 2017. In 251 casi il sospetto iniziale ha trovato conferma e la Suva ha sospeso le prestazioni o richiesto la restituzione di pagamenti già effettuati. La Suva ha così impedito che venissero percepite prestazioni ingiustificate per circa 12,5 milioni di franchi. Tale importo evidenzia una flessione di 5,5 milioni rispetto all'anno precedente.

Perché è importante che la normativa sulle osservazioni entri quanto prima in vigore?

Roger Bolt spera che il Consiglio nazionale confermi la soluzione snella del Consiglio degli Stati. «Il nostro obiettivo non è mandare schiere di investigatori sulle tracce di presunti truffatori. A questa misura ricorriamo solo se non riusciamo a ottenere i risultati auspicati con i mezzi abitualmente a disposizione. I casi interessati sono da 10 a 15 all'anno».

Frode assicurativa: di cosa si tratta?

Si parla di frode assicurativa quando una persona rilascia intenzionalmente dichiarazioni false, non comunica informazioni rilevanti o simula condizioni che gli permettono di percepire prestazioni superiori a quelle a cui ha effettivamente diritto. Le forme di frode sono numerose e variegate. Vi presentiamo tre esempi.

Abbonarsi alla newsletter

La newsletter permette di restare sempre aggiornati. Ecco come abbonarsi.