Dopo l'amputazione della gamba: «Non potrò mai giocare a calcio con mio figlio»

Regula Müller,

Nel corso di una manovra su una nave, il 36enne Stanislav Machovsky si è infortunato così gravemente che hanno dovuto amputargli la gamba. Il marinaio torna ora a bordo come timoniere.

"benefit" 3_21 Rubrik "vor Ort", Matrose, Beinamputation, Prothese, Steuermann, Wiedereingliederung

L'argano elettronico lo tirava sempre più vicino al cilindro, la gamba di Stanislav Machovsky era rimasta impigliata nel cavo e il marinaio è finito a terra, incapace di liberarsi dalla morsa. «Ho gridato con tutto il fiato che avevo in corpo. I miei colleghi sono venuti subito in mio soccorso, ma c'era ben poco da fare» ricorda Machovsky. La gamba era messa davvero male. Il marinaio, che lavorava da nove anni per la Avalon Europe SA / River Nautical GmbH, si è infortunato durante la manovra di partenza. All'epoca la nave si trovava in Bulgaria e Machovsky è stato ricoverato in un ospedale del posto: «Le prime cure sono state disastrose». Una settimana dopo, la Suva ha organizzato il trasferimento all'ospedale cantonale di Aarau. «È stata la mia salvezza, perché altrimenti non sarei sopravvissuto all'infezione batterica che avevo contratto». Per salvargli la vita i medici hanno dovuto amputargli la gamba.

Pieno sostegno da parte dei superiori

Uno dei primi ad andare a trovarlo in ospedale è stato il suo superiore Mika Mihic, che oggi afferma: «La determinazione e lo spirito combattivo di Stanislav mi hanno colpito sin dall'inizio: ha voluto sapere quasi subito se avrebbe potuto continuare a svolgere il suo lavoro. Allora abbiamo iniziato a riflettere sulle sue possibili prospettive professionali con la disabilità». 

"benefit" 3_21 Rubrik "vor Ort", Matrose, Beinamputation, Prothese, Steuermann, Wiedereingliederung

Anche il CEO dell'azienda gli ha garantito pieno sostegno. «La certezza che non avrei perso il lavoro è stata per me un grande sollievo» afferma Machovsky.

Non potrò mai giocare a calcio con mio figlio

Stanislav Machovsky (36)

Riabilitazione nella clinica di Bellikon

Tuttavia, prima di poter prospettare un ritorno alla vita professionale, il 36enne è stato trasferito alla clinica di Bellikon per la riabilitazione, dove nei cinque mesi seguenti ha imparato a utilizzare poco a poco la sua nuova protesi. Quando non lavora a bordo della nave, Machovsky vive in Repubblica Ceca insieme alla sua famiglia. In Svizzera, quindi, ha dovuto inevitabilmente rinunciare a molte visite. «Grazie alle eccezionali cure di Bellikon, mi sono comunque sentito a casa». Ogni due o tre settimane andavano a trovarlo Mika Mihic o altri colleghi.

Reinserimento professionale

Ai fini della pianificazione professionale, si è rivelato molto utile un corso di perfezionamento svolto dal marinaio, che prima dell'infortunio aveva ottenuto il brevetto di capitano per il Danubio e l'Elba. Il team di gestione nautica e Mihic hanno predisposto tutto il necessario per consentirgli di tornare al lavoro come timoniere. «Il brevetto di capitano attesta solo il possesso delle conoscenze teoriche» spiega Mihic. «Essere effettivamente in grado di manovrare una nave lunga 135 metri è tutta un'altra cosa». Stanislav Machovsky ha fatto i primi tentativi e provato diverse manovre in presenza del capitano responsabile e del team nautico. «Stanislav è in grado di farlo» conferma Mihic. Poiché la pandemia di coronavirus ha obbligato l'azienda a ricorrere al lavoro ridotto, il reinserimento non è ancora concluso.

La nascita del figlio dopo l'infortunio

La pandemia, che ha ritardato il reinserimento professionale, ha tuttavia avuto anche dei risvolti positivi. Circa un anno fa è venuto al mondo il figlio di Stanislav Machovsky, lo stesso giorno di suo padre. «Mi ha ridato la gioia di vivere» afferma orgoglioso il neopapà. Il lavoro ridotto gli ha consentito di trascorrere molto tempo insieme al piccolo. «Però non sarò mai il padre che avrei voluto essere». Infatti, con la protesi non potrà correre né giocare a calcio. «E questo mi fa stare male».

 

Il nostro impegno per il reinserimento degli infortunati

La Suva coniuga prevenzione, assicurazione e riabilitazione  . Dopo un infortunio la Suva assiste e accompagna nel percorso riabilitativo le persone direttamente coinvolte. Gli infortunati hanno maggiori probabilità di guarire e reinserirsi nel lavoro se ricevono un'assistenza competente e tempestiva. Non solo grazie alla Suva, ma anche a tutte le persone vicine agli infortunati.