«Così il nostro personale impara le regole vitali»

Regula Müller,

Fabienne Schaub prenderà presto le redini dell’impresa di pittura e gessatura del padre. Il personale sui cantieri deve confrontarsi con situazioni sempre nuove, il che comporta grosse sfide in tema di sicurezza sul lavoro.

Le nostre sfide

«Sui cantieri il nostro personale deve confrontarsi costantemente con situazioni nuove. Tutto d’un tratto, infatti, insorgono pericoli che prima non c’erano, come quello di inciampare o cadere dall’alto. Inoltre non lavoriamo mai con le stesse persone né con le stesse imprese. E dato che noi pittori in genere siamo gli ultimi a lasciare il cantiere, dobbiamo spesso lavorare sotto pressione.»

La preparazione del lavoro da parte dei responsabili di progetto è fondamentale

Fabienne Schaub, maestra pittrice

Come procediamo

«Per noi sono fondamentali le nove regole vitali della Suva. Il nostro personale è tenuto a seguire ogni anno il programma didattico della Suva per pittori e gessatori. Il programma inizia con un video scioccante che mostra una caduta dall’alto. Osservando il cantiere nel video, bisogna individuare le situazioni di pericolo e saperle indicare. Al termine i partecipanti ricevono un certificato che attesta il superamento del test. Prima di consegnarlo al superiore devono firmarlo di proprio pugno per confermare di avere svolto il test personalmente.
Inoltre, consegniamo a tutti la tessera per i casi di emergenza, dove su un lato figurano i numeri di telefono più importanti e, sull’altro, le nove regole vitali della Suva. Così possono sempre consultarle. Periodicamente vengono chiamati dai nostri responsabili di progetto a rispondere ad alcune domande al riguardo.
Del resto, la preparazione del lavoro da parte della o del responsabile di progetto è fondamentale. Permette infatti di analizzare ed eliminare preventivamente possibili situazioni di pericolo, riducendo così le improvvisazioni che comportano sempre dei rischi.»

I nostri successi

«Negli ultimi 30 anni siamo riusciti a evitare quasi del tutto gli infortuni gravi. Ad avere la peggio è stato un lavoratore che è caduto dal ponteggio perché una botola era rimasta aperta. Il ginocchio lesionato è guarito, ma gli crea tuttora qualche problema. Anche se questo non gli impedirebbe di lavorare come pittore, ha seguito una nuova formazione e oggi dirige la nostra segreteria a Wetzikon. Da allora tutti noi controlliamo con la massima attenzione che la botola sia sempre chiusa.»

Tre consigli di Fabienne Schaub

  1. Tutto il personale deve seguire il programma didattico della Suva per pittori e gessatori  .
  2. La sicurezza sul lavoro deve essere una componente fissa della preparazione dei lavori da parte delle e dei responsabili di progetto.
  3. Il personale deve portare con sé una tessera con le regole vitali e deve essere chiamato periodicamente a rispondere ad alcune domande al riguardo.