Medienmitteilung Statistik Militärversicherung
14 maggio 2024 | Comunicato stampa

Assicurazione militare: per la prima volta le rendite sono molto inferiori alle spese di cura

L’assicurazione militare, che è gestita dalla Suva, ha pubblicato il risultato annuale 2023. I dati sono comparabili a quelli degli ultimi anni prima del coronavirus. Per la prima volta, gli oneri per i pagamenti delle rendite sono nettamente inferiori alle spese di cura. Questa tendenza è dovuta principalmente al calo dei beneficiari di rendita e conferma la validità del principio «il reinserimento ha la precedenza sulla rendita».

Indice

      Dal 2005 la Suva gestisce l’assicurazione militare come assicurazione sociale indipendente su mandato della Confederazione. Sono assicurate le persone impegnate nell’ambito di servizi di sicurezza e per la pace per conto della Confederazione, principalmente militari di milizia e persone che prestano servizio civile o appartengono alla protezione civile. Tra gli assicurati figurano anche i partecipanti ad azioni di mantenimento della pace della Confederazione e i membri del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA). Nel novero degli assicurati rientrano anche gli assicurati a titolo professionale, ossia militari di professione, militari a contratto temporaneo e istruttori della protezione civile della Confederazione. La copertura assicurativa comprende sia le malattie sia gli infortuni.

      Risultato di esercizio 2023

      Rispetto all’anno precedente l’assicurazione militare ha registrato un numero crescente di casi, ma si è trattato perlopiù di casi bagatella chiusi durante il servizio, fortunatamente con guarigioni in tempi brevi. In totale sono stati notificati 46 532 nuovi casi, di cui 36 572 malattie e 9960 infortuni (2022: 40 812 casi, +14 per cento). L’importo complessivo delle prestazioni assicurative versate, pari a 172,8 milioni di franchi, è aumentato rispetto all’anno precedente (2022: 166 milioni, +4,1 per cento), ma resta nettamente al di sotto del valore dell’ultimo anno prima della pandemia di Covid-19.

      I costi per le cure mediche, equivalenti a 76 milioni di franchi (44 per cento), sono stati per la prima volta molto più elevati delle rendite, pari a 71 milioni di franchi (41 per cento). Questa evoluzione è riconducibile da un lato alla flessione del numero dei beneficiari di rendita e, dall’altro, all’aumento delle spese di cura dovuto al maggior numero di casi assicurativi. Le indennità giornaliere (25,5 milioni di franchi) sono invece rimaste in linea con il valore medio pluriennale; lo stesso vale per le spese amministrative (20,4 milioni).

      «Un infortunio grave può cambiare radicalmente la vita» afferma Martin Rüfenacht, direttore dell’assicurazione militare. «Oltre ai dolori e agli aspetti medici, le persone colpite devono spesso far fronte anche a un futuro professionale incerto. Vogliamo garantire un’assistenza tempestiva e competente, offrendo loro una nuova prospettiva professionale anziché limitarci a pagare una rendita».

      Tutti i dati, i fatti e i grafici sull’esercizio 2023 dell’assicurazione militare sono disponibili nella statistica 2024 .

      L’assicurazione militare

      Dal 2005 la Suva gestisce l’assicurazione militare su mandato della Confederazione. Sono assicurate le persone impegnate nei servizi di sicurezza e di pace, ossia chi presta servizio militare, civile e di protezione civile, chi partecipa ad azioni di mantenimento della pace della Confederazione, i membri del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) nonché i militari di professione e a contratto temporaneo. L’assicurazione ha per oggetto le malattie e gli infortuni. Sono assicurate tutte le affezioni fisiche, mentali o psichiche che si manifestano durante i servizi e gli impieghi o che sono riconducibili al servizio. L’assicurazione militare è finanziata dalla Confederazione, tramite i premi (militari di professione attivi e pensionati e militari a contratto temporaneo) e mediante i proventi da azioni di regresso. Maggiori informazioni sull’assicurazione militare sono riportate al sito:

      Assicurazione militare
      Assicurazione militare
      Assicurazione militare
      L’assicurazione militare copre i danni alla salute sopravvenuti durante i servizi e gli interventi (indipendentemente dal fatto che si tratti di infortunio o malattia). Inoltre è coperta anche la perdita di guadagno che ne consegue.
      Di più sull’assicurazione militare

      La statistica dell’assicurazione militare

      L’assicurazione militare è un ramo indipendente del sistema svizzero delle assicurazioni sociali. I suoi risultati sono pertanto di interesse pubblico e vengono presentati annualmente. La statistica dell’assicurazione militare fornisce cifre esaustive sul portafoglio assicurativo, sui casi di infortunio e sulle prestazioni dell’assicurazione militare. È disponibile in tedesco e francese e può essere ordinata o scaricata gratuitamente al sito: www.suva.ch/4514.25.d (in tedesco) www.suva.ch/4514.24.f (in francese).

      Contatto per i media

      Chi siamo

      Nata nel 1918, la Suva occupa circa 4700 collaboratrici e collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 sedi di agenzia presenti sul territorio svizzero e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico, assicura circa 135 000 imprese con oltre 2,2 milioni di lavoratrici e lavoratori contro le conseguenze degli infortuni sul lavoro e nel tempo libero e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Su mandato della Confederazione gestisce inoltre l’assicurazione militare e l’assicurazione contro gli infortuni per le persone coinvolte in provvedimenti dell’assicurazione per l’invalidità. Il ventaglio di servizi e prestazioni della Suva comprende prevenzione, assicurazione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e distribuisce le eccedenze agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.

      Altri comunicati stampa