Versicherungsmissbrauch_Bild - Originalbild
22 agosto 2023 | Comunicato stampa

Frode assicurativa: l’onestà prima di tutto!

Nel 2022 la Suva ha analizzato oltre 2900 casi sospetti, leggermente di più rispetto all’anno precedente. La lotta alle frodi assicurative ha consentito di risparmiare 24,1 milioni di franchi. Dall’introduzione di un apposito team, il risparmio complessivo ammonta a 239 milioni di franchi. Per preservare la stragrande maggioranza degli assicurati onesti da danni finanziari e contribuire all’equità della piazza produttiva e del mercato della salute in Svizzera, la Suva contrasta in modo sistematico le frodi assicurative.

Indice

Nell'ultimo anno, dei 252 278 casi in cui è stata versata un’indennità giornaliera o una rendita a seguito di un infortunio o una malattia professionale, sono stati esaminati 2916 casi sospetti. Si tratta di un leggero aumento rispetto all’anno precedente (2021: 2839 casi sospetti, +2,7 per cento). Grazie a misure per la lotta alle frodi assicurative sono stati risparmiati in totale 24,1 milioni di franchi. Questo importo deriva dall’aver impedito a persone infortunate o fornitori di prestazioni mediche come ospedali, dottori e terapisti di percepire prestazioni indebite (18,6 milioni di franchi) e dalla lotta alle frodi assicurative nelle aziende assicurate (5,5 milioni di franchi). L’importo medio risparmiato sulla percezione di prestazioni per ogni caso è stato di 22 963 franchi (2021: 24 781 franchi). Il numero complessivo dei casi chiusi con un sospetto di frode confermato è stato nettamente più alto con 810 casi (2021: 686 casi). È stata condotta un’osservazione in tutta la Svizzera.

Da quando è stata introdotta nel 2007, la lotta alle frodi assicurative ha fatto risparmiare alla Suva oltre 239 milioni di franchi. Questa cifra va a beneficio degli assicurati sotto forma di riduzioni di premio perché la Suva non è orientata al profitto. 

Raggiri a vari livelli

La frode assicurativa avviene a vari livelli: da singole persone che ottengono prestazioni in denaro come indennità giornaliere o rendite tramite dati falsi o mancanti, passando per aziende che aggirano i premi delle assicurazioni sociali tramite il lavoro nero o i fallimenti seriali fino a conteggi consapevolmente errati di ospedali, medici o terapisti. Tutte queste sfaccettature hanno una cosa in comune: a subirne le conseguenze sono le persone oneste.

La frode assicurativa è un problema serio che riguarda non solo il settore assicurativo, ma la società intera. La frode assicurativa causa l’aumento dei costi, una diminuzione dell’efficienza economica e una perdita di fiducia nel sistema assicurativo. Inoltre i premi per i clienti onesti possono aumentare perché questi devono farsi carico del comportamento scorretto di pochi.

Protezione dei clienti onesti

«La maggioranza dei nostri assicurati è sincera», precisa Roger Bolt, responsabile Team lotta alle frodi assicurative della Suva. «Per proteggerli da danni finanziari, garantire premi conformi al rischio e assicurare l’equità della piazza produttiva e del mercato della salute in Svizzera, contrastiamo in modo sistematico le frodi assicurative. L’onestà prima di tutto!»

Indicatori 2022   2021
Numero di casi con pagamento di indennità giornaliere o rendite
252 278 237 390
Casi sospetti esaminati  2916 2839
Casi chiusi con sospetto di frode confermato  810 686

Risparmi grazie alla lotta alle frodi assicurative (in mio.fr.)

  • Misure per impedire la riscossione indebita di prestazioni da parte di 
    singole persone e fornitori di prestazioni  
  • Premi aggiuntivi fatturati alle aziende

24,1

 

18,6

 

5,5

20,9

 

17,0

 

3,9

Risparmi medi per ogni caso (in fr.)  22 963 24 781
Risparmio complessivo dall’introduzione della lotta alle frodi assicurative nel 2007 (in mio. fr.)   239 215
Numero di osservazioni 
1 1

Contatto per i media

Regina Pinna-Marfurt
Comunicazione d’impresa e portavoce

Chi siamo

Nata nel 1918, la Suva occupa circa 4500 collaboratrici e collaboratori nella sede principale di Lucerna, nelle 18 sedi di agenzia presenti sul territorio svizzero e nelle due cliniche di riabilitazione a Bellikon e Sion. Azienda autonoma di diritto pubblico, assicura circa 130 000 imprese con due milioni di lavoratrici e lavoratori contro le conseguenze degli infortuni sul lavoro e nel tempo libero e delle malattie professionali. Le persone disoccupate sono automaticamente assicurate alla Suva. Su mandato della Confederazione gestisce inoltre l’assicurazione militare e l’assicurazione contro gli infortuni per le persone coinvolte in provvedimenti dell’assicurazione per l’invalidità. Il ventaglio di servizi e prestazioni della Suva comprende prevenzione, assicurazione e riabilitazione. La Suva si autofinanzia, non beneficia di fondi pubblici e distribuisce gli utili agli assicurati sotto forma di riduzione dei premi. Nel Consiglio della Suva sono rappresentate le parti sociali – datori di lavoro e lavoratori – e la Confederazione.

Altri comunicati stampa