Un uomo che lavora su una scheda di circuito all'interno di un capannone industriale.

Sovraccarico biomeccanico

  • Eccessive sollecitazioni biomeccaniche sono tra le cause più frequenti di disturbi all'apparato locomotore.
  • Secondo le stime, tali disturbi sono responsabili di un terzo dei giorni di assenza dei lavoratori.
  • Adattare le postazioni di lavoro e i processi lavorativi rispettando i principi dell'ergonomia permette di lavorare in modo efficiente e sicuro, senza affaticare il corpo.
  • Posti di lavoro adattabili a seconda delle esigenze delle persone e dei compiti da svolgere sono il presupposto migliore per prevenire i disturbi fisici lavorocorrelati..
  • Il datore di lavoro è tenuto a garantire posti di lavoro adeguati in cui svolgere attività esigibili.
Disturbi all'apparato locomotore

Quando aumentano i disturbi all'apparato locomotore, bisogna sempre verificare se le attività svolte siano effettivamente esigibili. Per appurarlo esistono strumenti adeguati che permettono di controllare le sollecitazioni.

Nella sezione «Interventi» sono disponibili informazioni generali e istruzioni relative a situazioni e posti di lavoro specifici nonché strumenti di supporto per valutare l'esigibilità delle attività.

Se in azienda mancano le conoscenze specialistiche necessarie per effettuare una valutazione dei rischi, è necessario l'intervento di uno specialista.

Ambiti essenziali della prevenzione
Attualmente il trasporto manuale dei carichi è uno dei temi in primo piano per quanto riguarda la prevenzione dei disturbi dell’apparato locomotore.
Due uomini che trasportano una trave su un cantiere.

Interventi

Verificare l'esigibilità

Per una prima valutazione sommaria si consiglia di effettuare un controllo rapido della postazione di lavoro .

Se i risultati evidenziano possibili sovraccarichi, occorre procedere a un'analisi approfondita del posto di lavoro.

Due addette all'assistenza e alla cura a domicilio aiutano una donna inferma a stendersi sul letto.

Materiale

Per una migliore visualizzazione utilizzare l'esportazione in PDF.