Operaio forestale con in mano una motosega che si allontana correndo da un albero in caduta.

Operaio forestale schiacciato da un tronco

  • Durante il taglio di un albero, all'improvviso la base del tronco rimbalza all'indietro. La vittima viene colpita dal piede del tronco e schiacciata contro un albero vicino.
  • L'albero e i dintorni non erano stati esaminati correttamente. Mancava un luogo di ritirata sicuro.
  • È fondamentale rispettare in ogni fase di lavoro le «Dieci regole vitali per i lavori forestali».

Tronco scivola via e travolge mortalmente un operaio forestale

Due dipendenti di un'impresa forestale sono intenti ad abbattere un grande abete bianco del diametro di 60 cm in un bosco fitto. Alto 35 metri, l'albero presenta due chiome (biforcazione).

L'intenzione è quella di far cadere l'abete in direzione del pendio, a monte. Per questo motivo, l'addetto alla motosega esegue il taglio in modo che il tronco possa staccarsi facilmente dalla ceppaia e sfondare le chiome circostanti. L'aiutante gli dà una mano inserendo dei cunei nel taglio di abbattimento.

Anche se l'abete cade nella direzione prevista, il piede del tronco rimbalza con violenza all'indietro scivolando su una radice come se fosse un pattino. L'aiutante che sta inserendo i cunei viene travolto, sbalzato per 4 metri e schiacciato contro un faggio.

Illustrazione della dinamica dell'infortunio. Immagine che mostra una persona schiacciata da un tronco.
Illustrazione della dinamica dell'infortunio.

Mancava un luogo di ritirata sicuro

L'indagine d'infortunio ha rivelato che la valutazione dell'albero e della zona circostante non era stata svolta accuratamente. Inoltre, i due lavoratori non avevano pensato bene a mettersi in sicurezza scegliendo con cura la via e il luogo di ritirata.

Per evitare infortuni simili

Obblighi dei datori di lavoro e responsabili di azienda
  • Fare in modo che i dipendenti siano adeguatamente formati e istruiti per la mansione che devono svolgere. Tutti i dipendenti devono conoscere e applicare le «Dieci regole vitali per i lavori forestali».
  • Prima che abbia inizio la stagione silvana, ripetere i criteri per la valutazione dell'albero e della zona circostante e ricordare le regole di sicurezza e comportamento. Ribadire soprattutto l'importanza di un luogo di ritirata sicuro, ad esempio mostrando il film «Il luogo di ritirata – la mia assicurazione sulla vita».
Obblighi dei lavoratori
  • Prima di procedere all'abbattimento, valutare con attenzione l'albero e la zona circostante e poi stabilire qual è la tecnica di taglio più sicura.
  • Prima di procedere al taglio, stabilire il luogo di ritirata, rendere agibile la via di ritirata e contrassegnarla in modo ben visibile (ad esempio con il fazzoletto rosso della Suva).
  • L'abbattimento di un albero è un lavoro che solitamente viene svolto da una sola persona. I lavori svolti sullo stesso albero da un aiutante devono essere conclusi tempestivamente, di modo che l'aiutante possa mettersi al riparo prima che inizi la caduta dell'albero.
  • Dopo aver abbattuto l'albero bisogna:
  1. mettersi rapidamente in sicurezza nel punto di ritirata e
  2. da lì osservare la chioma dell'albero e il corridoio di caduta
  3. attendere che l'albero abbia completato l'assestamento a terra
  4. tenere sott'occhio i rami che sono rimasti impigliati durante la caduta
Riferimenti di legge
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 6 : Informazione e istruzione dei lavoratori
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 8 : Provvedimenti in caso di lavori connessi con pericoli particolari
  • Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni (OPI), art. 11 : Obblighi del lavoratore