Un collaboratore del servizio esterno a colloquio con la direttrice di una media impresa.

Assicurazione contro gli infortuni ai sensi della LAINF

  • ai sensi della Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF), tutti i lavoratori dipendenti occupati in Svizzera sono assicurati obbligatoriamente contro gli infortuni e le malattie professionali.
  • I dipendenti sono assicurati obbligatoriamente presso la Suva se il loro datore di lavoro opera nel campo d'attività di competenza della Suva.
  • chi lavora per almeno 8 ore alla settimana presso il medesimo datore di lavoro deve essere assicurato anche contro gli infortuni non professionali.

La Suva e l'assicurazione contro gli infortuni

La Suva ha il compito di gestire l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni ai sensi della LAINF nel campo d'attività assegnatole dalla legge in questione.

Quale maggiore assicurazione svizzera contro gli infortuni, la Suva garantisce una copertura assicurativa a circa un terzo delle imprese, aziende e amministrazioni operanti in Svizzera. La metà delle persone che lavorano in Svizzera è assicurata alla Suva contro le conseguenze derivanti da malattie professionali e infortuni subiti sul lavoro e nel tempo libero.

La mia azienda è assicurata presso la Suva?

La Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF) stabilisce quali aziende e tipi di aziende sono tenuti ad assicurare i propri dipendenti presso la Suva. Gli aspetti determinanti in tal senso sono le attività svolte concretamente all'interno delle singole imprese nonché il modo in cui esse vengono esercitate.
Le aziende che non rientrano nei criteri indicati all'articolo 66 LAINF possono assicurare i propri dipendenti presso un altro assicuratore ai sensi dell'articolo 68 LAINF.

Aziende assicurate

La Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (art. 66  ) stabilisce quali tipi di aziende devono assicurarsi obbligatoriamente alla Suva.

Le aziende che esulano dalla competenza della Suva sono tenute ad assicurare i propri dipendenti presso altre imprese di assicurazione private ai sensi della LAINF (art. 68  ).

Alla Suva sono assicurate ad esempio le seguenti aziende:

  • aziende operanti nell'edilizia e nel genio civile
  • aziende industriali dedite alla produzione di componenti di macchine
  • aziende chimiche
  • aziende di trasporto di merci o persone
  • falegnamerie
  • officine da fabbro
  • industrie alimentari
  • aziende di distribuzione di elettricità, gas e acqua
  • aziende di lavoro temporaneo
  • studi di architettura
  • aziende di ingegneria
  • ecc.

Nell'ambito dell'accertamento condotto dalla Suva, ogni azienda ha diritto a una valutazione individuale riguardo alle proprie condizioni d'esercizio, spesso del tutto particolari. In questo compito la Suva è vincolata ai principi generali di diritto amministrativo.
L'accertamento delle attività concrete effettivamente esercitate e delle condizioni d'esercizio da parte dell'agenzia Suva locale riveste quindi enorme importanza.

Il proprietario d'impresa, da parte sua, è tenuto a notificare all'agenzia Suva competente l'apertura, la modifica o la cessazione dell'esercizio di un'azienda i cui lavoratori sottostanno presumibilmente all'assicurazione obbligatoria presso la Suva (art. 59 cpv. 1 LAINF, art. 92 cpv. 4 LAINF). Egli è tenuto a collaborare agli accertamenti della Suva.

Prima di avviare l'esercizio:

Chi intende fondare un'azienda ha l'obbligo di notificarlo alla Suva. La comunicazione deve pervenire almeno 14 giorni prima dell'inizio delle attività (art. 59 LAINF  ).

Durante l'esercizio, il titolare è soggetto ad altri obblighi tra cui:

  • tenere la contabilità salariale (art. 93 LAINF  ) / dichiarazione annua dei salari (il sistema più semplice ad es. è tramite Swissdec  )
  • notificare i cambiamenti intervenuti nell'azienda (art. 92 cpv. art. 4 LAINF  )
  • pagare i premi (art. 91 cpv. 3 LAINF  )
  • garantire la sicurezza sul posto di lavoro
  • notificare immediatamente gli infortuni
  • informare i collaboratori in uscita riguardo all'assicurazione convenzionale

Alla cessazione dell'esercizio:

L'obbligo di notifica vale anche in caso di cessazione dell'attività: la Suva deve ricevere la relativa comunicazione almeno 14 giorni prima della cessazione.

Quando si ha diritto a un'assicurazione contro gli infortuni?

Nel caso in cui si lavori alle dipendenze di un'azienda. Tra gli assicurati d'obbligo ai sensi della LAINF sono compresi anche i lavoratori a domicilio, gli apprendisti, i praticanti, i volontari nonché gli aiuti estivi e gli stagisti (art. 1a LAINF  ). Per la copertura assicurativa non conta a quanto ammonta la paga, né se il contratto di lavoro è stato messo per iscritto o semplicemente suggellato con una stretta di mano.

Il criterio determinante è esercitare un'attività per un datore di lavoro, secondo le direttive di quest'ultimo, e precisamente dietro remunerazione o a scopo di formazione e senza un proprio rischio economico. Inoltre, anche familiari, soci, azionisti e membri di una società cooperativa sono considerati assicurati d'obbligo ai sensi della LAINF, purché siano collaboranti nell'impresa. Aiuti occasionali o spontanei non conferiscono la qualità di lavoratore.

Chi lavora per almeno 8 ore alla settimana presso il medesimo datore di lavoro deve essere assicurato obbligatoriamente contro gli infortuni e le malattie professionali nonché contro gli infortuni non professionali.

Chi lavora per meno di 8 ore alla settimana

  • è assicurato contro gli infortuni e le malattie professionali e gli infortuni sul percorso diretto per e dal lavoro;
  • deve assicurarsi personalmente contro gli infortuni non professionali. In genere la cassa malati offre una simile copertura.

Infortuni professionali e non professionali

La Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni (LAINF) stabilisce quali infortuni sono da considerarsi professionali. In questa categoria rientrano gli infortuni di cui è vittima l'assicurato nell'eseguire lavori per ordine del datore di lavoro o nell'interesse di quest'ultimo nonché quelli subiti durante le pause, come pure prima o dopo il lavoro, se autorizzato a rimanere sul luogo di lavoro o entro la zona di pericolo inerente alla sua attività professionale (art. 7  LAINF).

Tutti gli altri infortuni sono considerati non professionali (art. 8  LAINF).

Chi è assicurato contro gli infortuni non professionali gode della copertura assicurativa ai sensi della LAINF anche durante le vacanze all'estero.

Ulteriori informazioni al riguardo sono disponibili nel nostro opuscolo «Assicurato in tutto il mondo –
Buon viaggio con la copertura assicurativa Suva per gli infortuni non professionali all'estero 
».

Chi è disoccupato e ha diritto all'indennità di disoccupazione è assicurato obbligatoriamente contro gli infortuni presso la Suva. Qui sono riportate tutte le informazioni relative all'assicurazione contro la disoccupazione.

Assicurazione infortuni dei disoccupati
Come sono assicurate le persone occupate temporaneamente all'estero?

Chi è assunto presso un datore di lavoro svizzero e viene impiegato all'estero deve avere anche nel Paese in questione una copertura assicurativa contro gli infortuni e le malattie professionali ai sensi della LAINF (art. 2 LAINF  ). Le condizioni da adempiere sono le seguenti:

  • bisogna essere assicurati a titolo obbligatorio in Svizzera immediatamente prima di venir distaccati all'estero.
  • l'attività all'estero deve avere una durata limitata nel tempo.    
  • durante questo periodo il rapporto di lavoro deve rimanere in essere.
  • al termine dell'attività all'estero bisogna riprendere il lavoro in Svizzera come dipendente.
I datori di lavoro che inviano collaboratori all'estero devono comunicarlo per tempo alla cassa di compensazione AVS competente, che emetterà un apposito certificato.

È importante conoscere le sfide che comporta un'attività indipendente.

Se la Sua attività rientra nei settori assicurati dalla Suva (cfr. art. 66 LAINF  ), la cassa di compensazione inoltrerà la Suva richiesta all'agenzia Suva competente. In seguito, la Suva accerterà la situazione occupazionale dell'impresa e provvederà a contattarla. Le caratteristiche importanti se si tratta di un'attività dipendente o indipendente sono nell'opuscolo Suva «Svolge un'attività indipendente? – Consigli per accertare lo stato di indipendente  » fornisce maggiori informazioni al riguardo.

In caso di dubbi è possibile rivolgersi all'agenzia Suva più vicina.

Agenzie e indirizzi

Con l'assicurazione per imprenditori della Suva è possibile tutelarsi contro le conseguenze degli infortuni professionali e non professionali anche ai sensi della LAINF.

Assicurazione per imprenditori

Non tutti i potenziali mandatari o freelance sono effettivamente indipendenti.

Se la persona interpellata dichiara di svolgere un'attività lucrativa indipendente, è importante chiederle una prova scritta del suo stato professionale, rilasciata dalla Suva o dalla cassa di compensazione. In materia di assicurazioni sociali, è anche possibile informarsi direttamente presso la Suva.

Il datore di lavoro è tenuto inoltre a dichiarare all'assicurazione contro gli infortuni tutte le persone assicurate obbligatoriamente.
Così facendo tutela se stesso e la sua azienda da eventuali pagamenti arretrati di premi LAINF e contributi AVS/AI/IPG/AD. Particolarmente sgradevole è il fatto che il datore di lavoro debba assumersi anche eventuali premi per infortuni non professionali, nonostante non possa più esigerli dalla persona interessata.

La Suva e le casse di compensazione AVS effettuano revisioni periodiche dell'azienda: se sono stati versati salari non computati correttamente a lavoratori dipendenti (o falsi indipendenti), la Suva, l'AVS e le altre assicurazioni sociali addebitano gli importi mancanti retroattivamente fino a un massimo di cinque anni.

Importante: ogni singolo caso deve essere accertato e valutato individualmente sulla base della fattispecie rilevante, applicando le disposizioni di legge determinanti.

In caso di dubbi è possibile rivolgersi all'agenzia Suva più vicina.

Agenzie e indirizzi
Planer e trucioli

Interventi

Registrare l'azienda online

Registrare la propria azienda alla Suva è facile: basta compilare il modulo sottostante. L'azienda sarà avvisata non appena ne avremo valutato l'obbligo assicurativo.

La registrazione può essere effettuata anche tramite il portale online StartBiz messo a disposizione dalla Segreteria di Stato dell'economia SECO per aiutare gli imprenditori a costituire la propria azienda. Il portale permette di registrarsi non solo all'assicurazione contro gli infortuni, ma anche presso altri enti (registro di commercio, imposta sul valore aggiunto, AVS/AI/IPG).

Indirizzo di domicilio

Indirizzo casella postale

È possibile usare l'indirizzo aziendale come indirizzo per il rimborso dei premi e per il pagamento delle indennità giornaliere?

Indirizzo di domicilio

Indirizzo casella postale

Osservazioni
Copritetto che lavoro cordata

Materiale

Per una migliore visualizzazione utilizzare l'esportazione in PDF.